camp Area di parcheggio e area attrezzata

Commentaren

Transcriptie

camp Area di parcheggio e area attrezzata
since 1957
camp
Gli esami non
finiscono mai
Sì, aveva proprio ragione
Eduardo De Filippo quando,
involontariamente, in teatro
esclamò una frase che sarebbe
passata alla storia, e cioè “Gli
esami non finiscono mai”.
Così ricominciamo un nuovo
mandato per governare sino al
31 dicembre 2018 la Confedercampeggio amata da tantissimi, detestata e copiata da altri.
Il nuovo Consiglio di Amministrazione ha deciso di modificare il formato della rivista,
proprio nell’anno in cui la nostra testata compie 60 anni. E’
pur sempre una delle poche
antiche testate ancora in vita.
In effetti questo cambio rappresenta un parziale ritorno al
passato poiché il formato tabloid è stato utilizzato fino agli
anni ’70.
La nostra rivista speriamo che
incontri il gradimento dei lettori, ma soprattutto speriamo
possa continuare a godere
della preziosa collaborazione
prestata “volontariamente” da
alcuni Soci e da una testata a
diffusione nazionale. Anche
questa nuova versione verrà
pubblicata sul sito web di Confedercampeggio.
Caro Lettore Ti auguro una
buona lettura e attendiamo di
conoscere da Te il giudizio e
suggerimenti migliorativi.
Gianni Picilli
Febbraio 2016
Anno LVIII - N. 441 - Poste Italiane S.p.A. - Sped. Abb. Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) a. 1, c. 1, DCB PO
Area di parcheggio
e area attrezzata
differenze giuridiche e funzionali
Dott. Fabio Dimita - Direttore amm. Ministero Infrastrutture & Trasporti
Confedercampeggio:
cambio di programma
Pag 4
La parola a Assocamp
di Vittorio Dall’Aglio
Pag 6
Tour.It a Carrara
di Ugo Stranieri
Pag 7
Club: viaggi ed escursioni
senza licenza
di Marco Elmi
Pag 8
Speciale Carinzia
di Uff. T. Carinzia
Pagg 9-12
Confedercampeggio
Quote Rosa
di Irene Vai
Pag 13
Grande novità per i soci
polizza assistenza 2016
La regolamentazione della materia della sosta e del parcheggio
non trova una compiuta disciplina
nel solo D.Lgs. 30 aprile 1992, n.
285 (Codice della strada, nel seguito Codice) e nel D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495 (Regolamento di esecuzione e di attuazione
del Codice della strada, nel seguito Regolamento
In via preliminare si precisa la differenza tra il concetto di sosta e
di parcheggio anche alla luce di
quanto stabilito dall’articolo 6,
comma 4, lettera d), del Codice
che riporta: “L’ente proprietario
della strada può, con l’ordinanza
di cui all’articolo 5, comma 3: d)
vietare o limitare o subordinare al
pagamento di una somma il parcheggio o la sosta dei veicoli”.
La sosta è definita come la “sospensione della marcia del veicolo
protratta nel tempo con possibilità di allontanamento da parte del
conducente” (art. 157, c. 1, lett. c),
Codice della strada).
Il parcheggio è definito quale area
o infrastruttura posta fuori della
carreggiata destinata alla sosta
regolamentata o non dei veicoli
(art. 3, c. 1, n. 34 del Codice).
La definizione è ulteriormente
chiarita dall’ art. 120, c. 1, lett.
c) del Regolamento che, in relazione al segnale di parcheggio,
prescrive che lo stesso può es-
sere usato per indicare un’area organizzata od attrezzata per sostare
per un tempo indeterminato, salva
diversa indicazione.
Qualora si intenda organizzare l’area di parcheggio, il segnale può
essere corredato da pannelli integrativi per indicare con valore
segue a pag 3 >>
Rottamazione Camper:
forse ci siamo
di Francesca Di Campi
Il contributo rottamazione camper è inserito nella Legge di Stabilità dello Stato per l’anno 2016.
Di seguito il testo dei commi 85
e 86 della Legge di Stabilità in
vigore dal 01/01/2016.
“” 85. In attuazione del principio di salvaguardia ambientale e al fine di incentivare la
sostituzione, mediante demolizione, dei veicoli di cui all’articolo 54, comma 1, lettera m),
del codice della strada, di cui
al decreto legislativo 30 aprile
1992, n. 285, di categoria «euro
0», «euro 1» o «euro 2» con veicoli nuovi, aventi classi di emissegue a pag 2 >>
Alcune tappe fondamentali
di Confedercampeggio
di Angelica Pantera
Italia 1932: Il nostro settore è
sorto grazie ad una intuizione di
Luigi Bergera, uno dei fondatori
della FICC (1933) e poi della Confedercampeggio (1950). Fu lui che
ebbe l’intuizione di costituire il
primo sodalizio di campeggiatori
in Torino che si chiamò Auto Campeggio Club Piemonte ed ebbe
sede presso l’Automobile Club di
Torino (via Carlo Alberto).
2 luglio 1950: Tirrenia (Pisa)
nasce la Federcampeggio
Denominazione originaria: Federazione Italiana del Campeggio.
Poi Federazione Italiana del Camsegue a pag 5 >>
Pag 14
Castagnole Lanze,
tra Langhe e Monferrato
di Carlo Mancuso
Pag 15
Campeggiare in Sicilia
di Gianna Lo Giudice
Pag 16
I tesori nascosti di Brescia
di Franco Frizzera
Pag 17
Roma, la nostra
capitale in caravan
di Guido Bertinetti
Pag 18
Colpo d’occhio
Pag 19
<< continuo di pag. 1 - Rottamazione
PROPRIETÀ
Confedercampeggio
http://www.federcampeggio.it
e-mail: [email protected]
sione non inferiore ad «euro 5» della
medesima tipologia, e› riconosciuto un
contributo fino a un massimo di 8.000
euro per ciascun veicolo acquistato. A
tale fine e› autorizzata la spesa massima
di 5 milioni di euro per l’anno 2016. Il
contributo e› anticipato all›acquirente
dal rivenditore sotto forma di sconto sul
prezzo di vendita ed e› a questo rimborsato sotto forma di credito d›imposta di
Dott. Fabio Dimita, Francesca Di Campi,
Angelica Pantera, Vittorio Dall’Aglio,
Ugo Stranieri, Marco Elmi, Irene Vai, Sabrina Intesa,
Carlo Mancuso, Gianna Lo Giudice,
Franco Frizzera, Guido Bertinetti,
Alessandro Cortellessa
GRAFICA E IMPAGINAZIONE
Media srl - Carmignano (Po)
PROGETTAZIONE GRAFICA
Media srl - Carmignano (Po)
STAMPA - NOVA
pari importo, da utilizzare in compensazione ai sensi dell›artiolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241. Con
decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il
Ministro dell’economia e delle finanze,
sono definite le modalita› di attuazione,
comprese quelle per usufruire del credito d›imposta, le modalita› di comunicazione delle spese effettuate ai fini della
verifica della capienza dei fondi disponibili, il regime dei con rolrolli nonche›
ogni altra disposizione necessaria per il
monitoraggio dell›agevolazione.
86. Le disposizioni di cui al comma 85 si
applicano per i veicoli nuovi acquistati
con contratto stipulato tra il venditore e
l’acquirente a decorrere dal 1° gennaio
2016 e fino al 31 dicembre 2016 e immatricolati entro il 31 marzo 2017.
Intervento dell’Assocamp
DIRETTORE RESPONSABILE
Gianni Picilli
COLLABORANO:
Camper: forse ci siamo
Il bonus rottamazione camper è un›agevolazione
inserita nel testo della Legge di Stabilità 2016. A
partire dal 1 gennaio 2016 saranno in vigore gli
incentivi rottamazione camper 2016 fino ad un
massimo di Euro 8.000 per chi acquista un nuovo
autocaravan di classe non inferiore ad euro 5 e
rottamando un vecchio camper appartenente alle
classi Euro 0 -Euro 1-Euro 2.
Il bonus spetta, fino ad esaurimento dei fondi messi a disposizione, per i veicoli acquistati nel corso
del 2016 o che lo immatricoleranno entro il 31 marzo 2017.
Con successivo decreto dei Ministeri competenti saranno definite le modalità di attuazione.
Mentre andiamo in stampa è in corso di svolgimento l’Assemblea dei Concessionari aderenti all’Assocamp, per cui il succes-
sivo comunicato stampa sarà pubblicato da questa
testata. Al momento possiamo solo comunicare
che l’intervento “pro rottamazione autocaravan”
ha suscitato enorme interesse tra tutti gli iscritti, al
punto che è stato richiesto al Presidente Dall’Aglio
di contattare i singoli Costruttori per determinare
un contributo economico autonomo in favore dei
nuovi acquirenti, ma anche per studiare la possibilità che lo Stato conceda il previsto contributo con
IVA ridotta od esente. In poche parole il contributo
dei Concessionari e dei Costruttori potrà avvicinarsi ai 6 - 8 mila euro. Naturalmente il primo momento di verifica
della nuova campagna la potremmo avere nel mese di maggio in coincidenza con la “Convention Assocamp”. Secondo
le aspettative dello Stato e dell’APC la rottamazione potrebbe
coinvolgere sino a 625 motorcaravan (euro 0 - 1 - 2).
CONFEDERCAMPEGGIO
DIREZIONE ED AMMINISTRAZIONE:
VIA VITTORIO EMANUELE, 11
50041 CALENZANO (FI)
TEL. 055/882391 - FAX 055/8825918
Trimestrale di turismo itinerante
REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI FIRENZE
N. 1136 DEL 13.12.1956,
R.O.C. n. 6221 del 23 Agosto 2001
REGISTRAZIONE OPERATORI
COMUNICAZIONE N. 6221/2001
policlinici dentali
In viaggio
col sorriso
Abbonamenti:
per l’Italia euro 15,00
per l’Europa euro 17,82
In collaborazione con
Confederazione italiana campeggiatori
GARANZIA DI RISERVATEZZA
Legge 196/03 sulla tutela dei dati personali. I dati
personali dei lettori sono stati archiviati e vengono
utilizzati da questa rivista esclusivamente per consentire
la spedizione postale del periodico. I dati non sono ceduti,
comunicati o diffusi a terzi.
20% di sconto
per tutti i soci e famigliari
LA CONFEDERAZIONE
ITALIANA CAMPEGGIATORI
•
Servizioimpeccabile
•
Materialidiprimissimaqualità
•
Risparmio fino al 70% suiprezziitaliani
•
Impiantidentalipremiumdiprovenienzacertificata
•
•
Ampi parcheggi attrezzati per il vosto camper,
con allacciamento elettrico
Fatturascaricabiledal“730”
I nostri prezzi
Corona in ceramica da . . . . . . .
Mini impianto da . . . . . . . . . . .
Protesi da . . . . . . . . . . . . . . . . .
Impianto dentale da . . . . . . . . .
Fondata a Tirrenia nel 1950, la
Confedercampeggio è stata riconosciuta
ente morale con un decreto del ’63.
Articolata in 20 Federazioni ed in 189 club
sparsi in tutta Italia.
Organo ufficiale è la rivista “Il Campeggio
Italiano”, 25mila copie di tiratura.
Annualmente cura e pubblica la “Guida
Camping d’Italia, distribuita anche con
la collaborazione dell’A.C.I. e dell’E.N.I.T.
È stata l’ideatrice e la realizzatrice della
prima rassegna espositiva in Italia delle
caravan e delle tende. L’attuale governo
federale, presieduto dal dr. Gianni Picilli, è
stato eletto il 12 Dicembre 2015 e rimarrà
in carica fino al 31 dicembre 2018.
2
€ 190,00
€ 240,00
€ 268,00
€ 380,00
TRENTO
UDINE
LJUBLJANA
COMO
PORDENONE
AOSTA
TRIESTE
BRESCIA
VICENZA
MILANO
TORINO
VERONA
RIJEKA
VENEZIA
PIACENZA
PULA
BOLOGNA
GENOVA
RAVENNA
LA SPEZIA
FIRENZE
RIMINI
PISA
RIDENT Rijeka-Fiume
SIENA
PERUGIA
www.rident.hr
www.facebook.com/rident.rijeka
ANCONA
RIDENT Poreč-Parenzo
Indirizzo:
Franje Čandeka 39
51 000 Rijeka, Croazia
Indirizzo:
Istarska 1a
52 440 Poreč, Croazia
Telefoni:
+385 (0)51 648 900
Telefono:
+385 (0)52 496 350
E-mail:
[email protected]
[email protected]
E-mail:
[email protected]
[email protected]
<< continuo di pag. 1 - Area
di parcheggio e area attrezzata
prescrittivo: limitazioni di tempo;
tariffe per la sosta a pagamento;
schema della disposizione dei
veicoli (sosta parallela, obliqua,
ortogonale); categorie ammesse
od escluse.
Nonostante nel linguaggio comune siano utilizzati quali sinonimi, si può affermare che la sosta
costituisce un’azione compiuta
dall’utente della strada mentre il
parcheggio è concepito come un
luogo avente determinate caratteristiche.
Il parcheggio sembrerebbe dunque costituire una funzione della
sosta (area…destinata alla sosta)
la quale appare un concetto, per
così dire, trasversale. Può infatti
aversi astrattamente sosta in un
parcheggio così come sosta su
semplice strada.
Anche la recente giurisprudenza
di legittimità ha confermato la
diversità dei due concetti con la
sentenza della Corte di cassazione 02.09.2008 n. 22036, secondo
la quale il parcheggio e la sosta
dei veicoli si distinguerebbero
tra loro solo per l’elemento topografico della sosta dei veicoli:
nel primo caso avviene in un’area
esterna alla carreggiata, specificatamente a ciò adibita (parcheggio), e nel secondo caso in aree
poste all’interno della carreggiata
(sosta).
Alla luce delle considerazioni suesposte appare evidente
come nell’art. 3 del codice non
sia presente una definizione di
“area di sosta” al pari di quella di
“parcheggio” e probabilmente
proprio tale lacuna giuridica non
permette una interpretazione ed
applicazione delle norme di riferimento nonché una chiara ed
incontestabile distinzione tra sosta e parcheggio, ma soprattutto
manca anche la definizione di “
area attrezzata” per individuare
quelle aree con un “ quid plus”
per distinguerle tra le prime due.
Quale principio di carattere generale, fermo restando che la
sosta è un momento della circolazione stradale, gli enti proprietari
della strada devono garantirne la
possibilità oggettiva per tutte le
tipologie di veicoli, anche in caso
di parcheggio a riservato a una
particolare categoria.
L’obbligo deriva dal diritto alla
libertà di circolazione, sancito
dall’art. 16 della Costituzione, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi
di sanità o di sicurezza; conseguentemente l’ente proprietario,
nelle ordinanze di regolamentazione della sosta e del parcheggio, deve tener conto di tutte le
categorie di veicoli, con riferimento alla composizione delle
correnti di traffico, cosicché è difficilmente sostenibile un divieto
di sosta, ad esempio, su tutto o
in larga parte del territorio di un
comune, per una sola categoria di
veicoli, in assenza di motivazioni
tanto stringenti da giustificarlo.
Pertanto l’ente proprietario della
strada non può vietare la sosta o il
parcheggio ad una sola tipologia
di veicoli su tutto o in larga parte
del territorio ancorché riservi un
parcheggio a tale categoria (fotografie sottostanti).
Riassumendo, qualora l’ente proprietario della strada riservi un
parcheggio ad una sola categoria di veicoli attraverso appositi
segnali verticali oppure delimiti
le dimensioni degli stalli di sosta
in modo tale da consentirne la
fruizione solo ad alcune tipologie
di veicoli escludendo dalla sosta
tutti quei veicoli che per le loro
dimensioni non vi rientrano, il relativo provvedimento è viziato da
eccesso di potere se non è giustificato da comprovate esigenze
della circolazione o caratteristiche della strada e comunque da
una motivazione congrua e logica
nonché adeguata alla fattispecie.
Alla luce delle considerazioni e
puntualizzazioni di cui sopra di
cui sopra, ci si pone la seguente
domanda.
Le normative regionali consentono la promiscuità tra le due tipologie di strutture ricettive all’aria
aperta permettendo la presenza
nei campeggi di tende, camper,
roulottes o comunque altri mez-
Per una completa disamina occorre integrare la
normativa codicistica con gli ulteriori provvedimenti legislativi:
D.M. 14 giugno 1989, n. 236 - Prescrizioni tecniche
necessarie a garantire l’accessibilità, l’adattabilità
e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata, ai fini
del superamento e dell’eliminazione delle barriere
architettoniche;
D.P.R. 24 luglio 1996, n. 503 - Regolamento recante
norme per l’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici, spazi e servizi pubblici;
Direttiva 24 ottobre 2000 del Ministero dei Lavori Pubblici sulla corretta ed uniforme applicazione
delle norme del codice della strada in materia di
segnaletica e criteri per l’installazione e la manutenzione;
D.M. 5 novembre 2001, n. 6792 - Norme funzionali e
geometriche per la costruzione delle strade.
Si richiamano per completezza le seguenti disposizioni normative di regolamentazione del settore:
Legge. 29.3.2001 n. 135;
Legge 25 agosto 1991, n. 284, Liberalizzazione dei
prezzi del settore turistico e interventi
di sostegno alle imprese turistiche;
Decreto ministero del Turismo e dello Spettacolo 16
ottobre 1991, recante:“Determinazione delle modalità di trasmissione e di pubblicazione dei prezzi dei
servizidelle strutture ricettive, nonché delle attività
turistiche ad uso pubblico gestite in regimedi concessione”. Provvedimento che norma le modalità di
attuazione della sopra citatalegge 284/91;
Legge 25 agosto 1991, n. 287, concernente: ”Aggiornamento della normativa sull’insediamento e
sull’attività dei pubblici esercizi”;
zi autonomi di pernottamento,
installati dalla gestione, distinguendole, di solito, in base alla
prevalenza del numero dei turisti
che usufruiscono di propri mezzi
di pernottamento (campeggi) o,
viceversa, del numero dei turisti
che usufruiscono di allestimenti
predisposti dal gestore
(villaggi turistici).
All’interno delle normative regionali dedicate alla ricettività all’aria
aperta sono state regolamentate
altre tipologie quali ad esempio
le aree di sosta temporanea che
i comuni possono prevedere per
la sosta di caravan, autocaravan,
camper e simili mezzi mobili di
pernottamento compatibilmente
con i loro strumenti urbanistici,
riservati esclusivamente alla sosta
temporanea ed al parcheggio di
tali mezzi per un periodo che può
oscillare dalle ventiquattro ore al
massimo di tre giorni.
Sempre nelle normative regionali
campeggi e villaggi turistici si arricchiscono di denominazioni aggiuntive; è il caso dei campeggi
o dei villaggi turistici “di transito”
rivolti ad una clientela itinerante,
dove la sosta non può normalmente protrarsi oltre un breve
periodo prefissato.
L’area di pertinenza della struttura comprende piazzole (aree destinate alla sosta ed al soggiorno
della clientela) ed aree destinate
ai servizi (parcheggio, servizi igienici, uffici, ristorante, bar spaccio,
attrezzature sportive e ricreative).
Le strutture ricettive all’aria aperta sono realizzabili in aree definite
dagli strumenti urbanistici comunali vigenti, di norma nelle aree
specificamente destinate dagli
strumenti urbanistici.
L’area deve essere delimitata in
ossequio alle normative edilizie
e paesaggistiche con recinzioni,
accessi e varchi chiudibili, o con
demarcazioni o ostacoli non facilmente superabili.
La capacità ricettiva massima
autorizzabile è calcolata moltiplicando per quattro il numero delle
piazzole standard, moltiplicando
per due il numero delle piazzole
minime, cui andranno sommati
i posti letto autorizzati in unità
abitative fisse e mobili con servizi
riservati, fatto salvo il rispetto di
quanto previsto relativamente al
rapporto tra il numero dei servizi
e l’utenza.
La regione Veneto (lr. n. 33/2002)
in modo del tutto innovativo ha
abbandonato il sistema delle
superfici minime delle piazzole
e si esprime invece in termini di
“densità ricettiva”, ovvero il rapporto, espresso in metri quadrati per persona, tra la superficie
lorda della struttura ricettiva ed
il numero massimo di utenti insediabili (CRM = capacità ricettiva
massima giornaliera).
La legge del Veneto indica in 28
(1 stella), 32 (2 stelle), 36 (3 stelle) e 40 (4 stelle) i metri quadrati
minimi per persona ospitabile,
sempre fatto salvo il rispetto di
quanto previsto relativamente al
rapporto tra il numero dei servizi
igienico sanitari e l’utenza.
La recinzione deve essere opportunamente schermata ove occorra per garantire sicurezza e riservatezza agli ospiti (così Allegato
A) delibera G. R. Emilia Romagna
2150/2004 in attuazione della lr.
28.7.2004 n. 16).
Ogni struttura deve essere dotata di servizi di vendita e somministrazione di alimenti e bevande,
destinati alle sole persone alloggiate, qualora non presenti nelle
vicinanze.
Appare evidente, quindi come
tale area non rientri nell’ambito
applicativo delle disposizioni del
Codice della strada.
Diversa è la natura giuridica di
un’area di parcheggio al di fuori di un’area attezzata in quanto,
diversamente da quanto sopra,
la sosta del veicolo è la sola ed
unica destinazione funzionale del
veicolo. In tale contesto nulla vieta il pernottamento sull’autocaravan sfruttando la sua peculiarità
abitativa, in quanto la medesima
attività non è vietata ne sanzionata se effettuata anche all’interno di altre tipologie di veicoli
(autovetture, furgoni,, ecc), anzi,
nell’ambito dell’attività lavorativa
di un autotrasportatore i veicoli
pesanti sono attrezzati per consentire il pernottamento all’autista e consentire allo stesso di
effettuare il riposo obbligatorio ai
sensi di legge.
Tra l’altro un ulteriore conferma
di tale assunto è riscontrabile nel
fatto che l’ autocaravan non è un
veicolo classificato “ ad uso speciale”, e pertanto ha una destinazione d’uso pari a quella di qualsiasi altro autoveicolo.
Tra l’altro risulta un errore sostanziale associare l’attività di pernottamento a quella del campeggiare secondo l’ interpretazione
o forse meglio dire “leggende
metropolitane” da parte di alcuni operatori del settore, compresi
organi di polizia stradale.
Difatti, quando si utilizza il termine “campeggiare” si fa riferimento a una ben precisa condotta,
ossia quella implicante lo “stabilimento” di un mezzo in un luogo,
mediante collegamenti permanenti al suolo e necessità di idonee infrastrutture per svolgere le
consuetudini di vita.
La sosta per le autocaravan, invece, implica il rispetto di quanto previsto dall’ articolo 185 del
Codice della Strada, che prevede come “La sosta delle autocaravan, dove consentita, sulla
sede stradale, non costituisce
campeggio, attendamento e simili se l’autoveicolo non poggia
sul suolo salvo che con le ruote,
non emette deflussi propri, salvo
quelli del propulsore meccanico,
e non occupa comunque la sede
stradale in misura eccedente l’ingombro proprio dell’autoveicolo
medesimo, laddove si ribadisce
che deve avvenire “senza” occupare lo spazio esterno al veicolo.
L’aprire le porte di un veicolo e
discendere dallo stesso non è
campeggiare mentre il lasciare
aperte le porte e le finestre di un
autoveicolo, costituendo pericolo
o intralcio per gli utenti della strada, non attiva il campeggiare ma
viola solamente l’articolo 157 del
Codice della Strada.
Decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114, pubblicato sulla G.U. n. 95 del 24 aprile 1998, recante: “Riforma della disciplina relativa al settore commercio”,
Decreto ministeriale 4 agosto 1988, n. 375; ad esclusione delle disposizioni concernenti il registro degli
esercenti il commercio (articoli: 6-8-19-28-65 e allegato 4) relativamente alla attività ricettiva, di cui alla
legge 17 marzo 1983, n. 21 succesivamente abrogate dalla L. n. 135/2001.
Un’area di parcheggio, più o meno attrezzata, quando, come e perché può essere equiparata a struttura ricettiva? Un area di parcheggio può acquisire
tale definizione quando tra gli esercizi complementari include il campeggio, ovvero, gli esercizi ricettivi aperti al pubblico, a gestione unitaria, attrezzati su aree recintate per la sosta ed il soggiorno di
turisti provvisti, di norma, di tende o di altri mezzi
autonomi di pernottamento, capaci di offrire anche
attrezzature sanitarie, ricreative, culturali e sportive; ma anche piazzole per ristorazione all’aperto e
non, oltre che di tutte quelle strutture che vengono
gestite da un›amministrazione unica commerciale e
che vengono date in affitto per uso turistico.
In sintesi, in una struttura ricettiva la sosta del veicolo è solo una possibilità di utilizzo in un contesto
e complesso di organizzazione articolato ed organizzato, strutturato con più servizi in modo tale da
offrire la possibilità di uno stazionamento prolungato agli utenti durante il loro soggiorno in un determinato luogo.
Ovviamente tale struttura, per la sua naturale e giuridica destinazione economica, solitamente risulta
recintata con accesso controllato e non aperta al
pubblico passaggio, e deve aver ottenuto le dovute
autorizzazioni comunali nel rispetto delle normative
regionali inerenti l’attività di campeggio e di quelle
concernenti le norme di igiene e di sicurezza.
3
Confedercampeggio 2016
cambio di programma
L’Assemblea Nazionale incita Picilli
Un anno fa, quando avevo deciso di ritirarmi, avevo predisposto per questa giornata un
copione con un finale diverso. Il
“Rally dell’Amicizia” di Sorrento
era stato programmato anche
per salutare gli amici stranieri e
per chiudere un ciclo fortunato
di una iniziativa internazionale
apprezzata all’estero, ma che ha
creato qualche gelosia da parte di alcuni nostri Sodalizi. Così
come la “Conferenza dei Club”
era stata pensata per salutare
e ringraziare i Sodalizi confederali. Per non parlare poi delle
recentissime pubblicazioni, una
sull’attività svolta da Confedercampeggio in 65 anni, la seconda sul ruolo dei Club e sulla collaborazione dei Presidenti dei
Sodalizi.
Oggi, assistiamo ad un finale diverso, non solo per mia volontà
ma perché codesta Assemblea
non era ancora pronta per un diverso progetto e per un nuovo
candidato. Quando, nel dicembre 2014, codesta Assemblea
con affetto mi strappò un “si”
alla ricandidatura, nessuno di voi
aveva fatto caso che, al 21 ottobre 2015, avrei compiuto 20 anni
di Presidente Nazionale.
Venti anni, sono troppi per
chiunque e per le statistiche di
questo Ente, trascorsi solo come
Presidente Nazionale: un tempo lunghissimo che nessuno
in quest’Ente ha mai trascorso.
In poche parole un terzo della
mia vita l’ho trascorso qui con
l’aggiunta di altri 7/9 anni come
delegato regionale o consigliere
nazionale o vice-presidente nazionale.
Un arco di tempo significativo
esaltato da amicizie (poche) ed
inimicizie (tante) così come avviene per tutti i manager. Non
dimenticate che per 38 anni ho
svolto il ruolo di manager, cioè
dei Probiviri (per fortuna non si
riuniscono da oltre 6 anni). Naturalmente mi sento in dovere di
ringraziare tutti gli ex Consiglieri
e Presidenti di Federazioni che
ho incontrato nel mio cammino.
Un particolare grazie a coloro
che si sono dimostrati “più pazzi
e più incoscienti” di me e che mi
hanno validamente supportato e
sopportato: mi riferisco a tutto il
personale confederale e alla nostra Segretaria Generale.
Il mio impegno per i prossimi tre
anni sarà quello di “coccolare”
un presunto candidato che possa prendere in mano le redini di
questo Ente.
Non basta trovare l’erede ed anche un programma se però tutti
voi non vi adoperate per difendere questa organizzazione e
fare in modo che possa superare il traguardo dei cento anni.
Dall’indagine statistica appare
evidente che il protagonista
dell’attività dell’Ente (mi riferisco al Club e quindi al suo presidente) è quasi sempre assente
nel momento in cui si effettuano
delle scelte importanti. Altro risultato strano è che una parte
dei nostri Club svolge un’attività
di persona in grado di comandare stando sempre sotto il “tiro
degli avversari”.
Questa giornata doveva rappresentare prima un saluto;
invece avete tutti insistito affinché rimanessi per altri tre anni.
Ovvio che sia per me un dovere
ringraziarvi per la stima che avete avuto in tanti anni, ma devo
anche ringraziare gli amici del
Consiglio ed i componenti del
Collegio dei Revisori dei Conti e
commerciale (nella speranza che
venga effettuata senza danneggiare il proprio Club di volontari)
spesso senza nemmeno riconoscere agevolazioni per gli iscritti ad altri Club ma facenti parte
sempre di Confedercampeggio.
A questo punto occorre individuare alcune cose da concretizzare nel prossimo triennio per
gettare le basi di una nuova svolta della Confedercampeggio. Se
vi può interessare una svolta al
4
nostro interno c’è stata agli inizi
di questo secolo nel momento in
cui ci siamo tolti definitivamente
il problema della gestione dei
campeggi. Ne avevamo gestiti
ben venti nel periodo 1957-2007.
A proposito di svolta, non so se
ci avete fatto caso ma, quest’anno non è stata stampata - per la
prima volta - né una relazione
accompagnatoria al bilancio, né
una relazione programmatica.
Ciò è stato fatto perché ho compreso che non sempre ciò che
scrivevo veniva letto e valutato.
Ma ritorniamo alla svolta. Sarà
indispensabile coinvolgere i Presidenti dei Club in quest’Assemblea come componenti di diritto.
Ciò permetterà di trasmettere
più rapidamente alla nostra base
le iniziative assunte a livello nazionale. Ancora oggi quanto
partecipo alle riunioni regionali sento con stupore sempre
la stessa frase: “Ah ma questo
non lo sapevamo, etc.”. Quindi
impegno categorico sarà quello
di modificare lo statuto per far si
che quest’Assemblea sia costituita dai Presidenti Federali e dai
Presidenti dei Club ovviamente
in proporzione al numero dei
soci come avviene oggi per i delegati.
Altro impegno da assumere è
quello di lavorare su due settori: uno ricercare una maggiore collaborazione da parte dei
presidenti dei club, anche coinvolgendoli nei gruppi di lavoro
soprattutto per recepire aggiornate esigenze dei soci.
L’altro lavorare sull’immagine
del nostro Ente morale per agevolare una maggiore penetrazione dei nostri obbiettivi nella
società. Certamente abbiamo
conseguito buoni risultati - a mio
modesto parere - sia in campo
nazionale che internazionale.
Tuttavia dobbiamo lavorare di
più affinché il socio non ci ponga
ancora la solita domanda:” cosa
ci dà la Confedercampeggio”
Dobbiamo tenere presente l’attuale concorrenza anche se essa
è figlia diretta di Confedercampeggio e causa malcontenti originati da nostri errori umani ed
organizzativi. Oggi, la concorrenza non è in alcun modo in gra-
do di offrire al proprio iscritto ciò
che noi offriamo. Anzi in un certo
senso ci seguono ed inseguono i
nostri sponsor; cercano di offrire
parte delle nostre agevolazioni e
servizi o, ci chiedono di ricercare
servizi per tutti i Club in possesso
della C.C.I. Certamente il costo
di vendita della nostra tessera
ai Club (fermo restando che noi
da sempre offriamo in omaggio
la Camping Card International)
è superiore a quello delle altre
organizzazioni. Non è facile ridurre il costo della nostra tessera
oggi; al riguardo vi ricordo che
nel dicembre 2012, foste contrari a ridurre il costo della tessera
eliminando la stampa e la distribuzione di tutto il materiale informativo che abitualmente produciamo ogni anno. Credo che
quella discussione non sia stata
mai riportata ai rispettivi Club
sti o come si faccia ad aprire un
file in pdf o dove siano gli allegati
al messaggio. Il discorso dell’informatizzazione mi spinge a rappresentarvi che anche per la gestione della banca dati dei soci
ci sono problemi dovuti proprio
a una non perfetta conoscenza
del pc e del software; addirittura qualche Club inserisce tutti i
dati dei Soci in estate, privando
il socio di preziose informazioni.
Non vi sembrano che questi obbiettivi siano poca cosa, se solo
riusciamo a migliorare il rapporto
con il socio portandolo rapidamente a conoscenza di ciò che la
Sede fa o vorrebbe fare potremmo chiudere con soddisfazione
questo mandato. Vorrei avviarmi alla conclusione perché oggi
abbiamo una agenda fitta di impegni che dobbiamo onorare,
voglio solo aggiungere che non
così come nessuno dei Club ha
mai saputo (probabilmente) che
la mia proposta di massima fu respinta. E così oggi siamo ancora
a discutere il fatto che abbiamo
-per comune democratica scelta assembleare- un prezzo non
competitivo. Pertanto, saremo
tutti chiamati a ricercare una soluzione soddisfacente per tutti.
Nel 2016, in via sperimentale,
proveremo a distribuire la rivista
per alcuni numeri solo via internet e per altri ricorreremo alla
carta stampata ed al formato
tabloid. Nel quadro della riorganizzazione del nostro materiale
informativo faremo in modo che
la “Guida dei Campeggi”, che
nel 2018 festeggerà i suoi 60 anni
di fondazione conterrà da un lato
una selezione dei campeggi italiani e stranieri che aderiscono al
nostro circuito internazionale “
Ciao Campeggio” e “ Ciao Area
di Sosta” e dall’altro previa auspicabile autorizzazione da parte
della FICC anche i campeggi italiani e stranieri che riconoscono
uno sconto ai possessori della
Camping Card International e,
quindi, ai nostri soci.
Discorso più difficile è quello di
come stampare e distribuire la
“Guida alle agevolazioni e convenzioni”. Inutile che mi diciate
di ricorrere alla posta elettronica perché voi, per vostra fortuna, non avete il polso della reale
conoscenza dell’uso di un pc da
parte dei nostri soci. Ancora oggi
ci chiedono dove siano alcuni ta-
perderemo di vista la necessità
di collaborare sempre più anche
con gli organismi a noi esterni
quali ASSOCAMP, ACI, ENTI FIERISTICI, ed il TURING CLUB se
vorrà collaborare con noi.
Naturalmente il mio impegno
personale sarà quello di agevolare al massimo eventuali candidati che dovessero proporsi con
serietà di intenti per la prossima
guida del nostro Ente. Così come
spero di potervi preannunciare
al termine delle odierne elezioni
il nome del Vice presidente che
dovrà rappresentare la nostra
istituzione all’esterno ed un altro,
il cosiddetto vicario che invece
dovrà pian piano muoversi e farsi sempre più conoscere ed apprezzare.
Ora non ci resta che metterci al
lavoro con rinnovato entusiasmo
e non prima di aver ricordato le
splendide figure di due amici
scomparsi che hanno forgiato il
mio carattere e inciso sulla mia
attività: Marcello Vada e Pierpaolo Deplano. Vi ringrazio per
avermi sopportato per oltre venti
anni, naturalmente sono pronto
da ieri a cedere il passo. Grazie
alla vicinanza del mio amico a
quattro zampe ho fatto un’importante scoperta: non si può
perdere tempo per fare cose che
non si vogliono fare, soprattutto quando non cessa il “gioco
al massacro” per distruggere un
patrimonio che ci invidiano in Italia ed in Europa”.
<< continuo di pag. 1 - Alcune
tappe fondamentali di Confedercampeggio
peggio e del Caravanning e, dal 2002,
Confederazione
Italiana Campeggiatori.
65 anni fa, 27 soci
fondatori che rappresentavano anche alcuni club
italiani di campeggiatori (Acti Torino,
C.C Firenze Toscana, C.C Napoli, C.C Lombardo, rivista
“Aria Aperta”) diedero vita al nostro Ente
morale, in occasione di un raduno in un
campeggio a Tirrenia. Tra i soci fondatori
diverse A.C.T.I., ma non l’A.C.T.I. Italia.
Il primo Presidente fu Luigi Bergera, che
essendo un appassionato alpinista praticava il campeggio. Per ricordarne la memoria
il Comune di Torino Gli intestò una strada.
Come altre Associazioni locali ma non nazionali, l’A.C.C.P. fu sciolta nel 1940 con Decreto del Governo, che aveva deciso di dar
vita ad un Ente Nazionale per lo sviluppo e
la tutela del Campeggio, al quale assegnò
il nome di “Associazione Campeggiatori
Turistici d’ Italia (A.C.T.I.)”.
Il testo integrale del Decreto non è mai
stato rintracciato. Con Decreto del Ministero della Cultura Popolare (il famoso MinCulPop) fu
nominata una Commissione
provvisoria per la costituzione della A.C.T.I. Di tale
Commissione furono nominati provvisoriamente il Presidente (Galeazzo Guidi) ed
il Segretario (Luigi Bergera).
Luigi Bergera ebbe l’avvedutezza di trasformare l’A.C.C.P. in ACTI, Sezione staccata di Torino della costituenda
A.C.T.I. Nazionale. Ma poco dopo queste
nomine ebbe inizio la 2^ guerra mondiale, e non risulta che sia avvenuta la costituzione effettiva, e valida giuridicamente,
dell’A.C.T.I. a livello nazionale.
Di fatto, l’A.C.C.P. continuò ad esistere con
il nuovo nome di A.C.T.I.-Torino; dopo nessuno si preoccupò di dar vita all’ A.C.T.I.
- Nazionale. L’ACTI Torino lasciò la Confedercampeggio per volontà del suo presidente, nel 2000. Ritornò a pieno titolo per
volontà dei Soci nel 2010, sempre quale
Club fondatore della Confedercampeggio.
tre 2 milioni e 300 mila turisti, di cui il 50%
nel solo campeggio Frassanito. Nel periodo 1966/2007 Confedercampeggio ha effettuato investimenti per oltre 2 milioni di
euro (leggasi pubblicazione Confedercampeggio “Camping International Frassanito”, maggio 2008).
1958: nasce la testata “Guida
Camping d’Italia”.
1964:
Confedercampeggio
dà vita alla prima “Fiera del Turismo all’Aria Aperta” in Italia,
che ha luogo proprio in Calenzano, nel terreno di proprietà di
Confedercampeggio.
1965:
La scomparsa di un
Socio fondatore.
Muore Luigi Bergera, Vice Presidente della
FICC dal 1963. Era stato il Primo Presidente
della Federazione Italiana del Campeggio
e del Caravanning dal 1950 al 1955.
1997 - 2015: vengono organizzate periodicamente:
Conferenze nazionali dei Club - Corsi aggiornamento - Workshop
Confedercampeggio (Ente morale dal
1963, ma anche Ente assistenziale dal 1988) non si è
occupata solo di turismo e
di camping card.
Inoltre purtroppo, nei momenti di crisi economica, o
in occasione di disastri naturali, l’Ente ha cercato - nei
limiti del possibile - di stare
vicino soprattutto ai propri
Soci, non solo con una raccolta fondi, ma
anche con il reperimento di caravan ed
altro. Così è stato in occasione dei tragici terremoti verificatisi in Umbria e nelle
Marche (1997) oppure nell’Emilia Romagna, Veneto e Lombardia (2012). Per non
parlare dell’alluvione di Genova (2011).
1999: nasce la prima Tessera Confedercampeggio.
Viene distribuita assieme alla CCI.
1999: muore Lamberto Ariani (componente del Consiglio FICC dal 1978 al
1987). Era stato Presidente della Federazione Italiana del Campeggio e del Caravanning dal 1985 al 1991.
1999:
caravan
Città del Vaticano: donata una
Il 23 dicembre 1999, una delegazione di
Confedercampeggio ed i Dirigenti della
Casa Costruttrice tedesca Dethleffs, accompagnati da Werner Eckl e dal padre
Hubert furono ricevuti dal Santo Padre
Giovanni Paolo II. Nel corso dell’udienza privata fu donata al Sommo
Pontefice una caravan che, poi,
risulterà l’unica circolante con
targa SCV.
2000:
Nascita del Circuito
«Ciao Campeggio» e «Ciao
Area di Sosta»
Confedercampeggio costituisce un circuito fidelizzato che
riunisce, (in Italia ed in Europa),
strutture ricettive che riservano
sconti ed incentivi ai Soci Confedercampeggio e possessori
della cci. Oggi, in Italia sono circa 179 campeggi e 169 Aree di Sosta. In Europa circa
52 campeggi ed 8 Aree di Sosta.
2006:
Ciao Campeggio Show - Molti
campeggi, aderenti
al nostro Circuito,
hanno partecipato
- riuniti in un unico
stand di Confedercampeggio,
alle
fiere del settore in
Italia
2001: Carta di Credito
I problemi economici da alcuni anni risultano in via di lenta e definitiva risoluzione.
Così si incomincia a pensare anche al futuro ed ad attuare una nuova strategia politico-economica. Viene immessa sul mercato
una card (Circuito Master Card), con il logo
federale: il che non era da tutti a quell’epoca; veniva consegnata ai Soci in forma
gratuita per il primo anno. L’iniziativa cessò
di esistere alla fine dell’anno 2003.
30 novembre 2002
nuovo statuto L’Ente morale da ora in
poi si chiamerà: CONFEDERAZIONE ITALIANA CAMPEGGIATORI
CONCLUSIONI
Dal 1950 il cammino di Confedercampeggio è stato quasi sempre
«duro e malagevole e cosparso di
spine». Oggi riunisce 185 Club e ha
15 delegazioni regionali; il numero
dei nuclei familiari si aggira sui 2021mila all’anno.
In 65 anni tantissimi club vi hanno
aderito, ma anche tanti ci hanno lasciato, spesso formando o cercando
di dar vita a nuove organizzazioni.
Confedercampeggio, la più antica, reale e diffusa organizzazione di
campeggiatori dell’Italia, deve definirsi giustamente come la «mamma» dell’associazionismo campeggistico italiano.
Dal 1973 a Parma, al servizio del cliente
1957: nasce la rivista “Il Campeggio Italiano”.
Il numero “zero” uscì per l’esattezza nel dicembre 1956. E’ una delle più antiche “Testate” italiane ancora in attività.
Da allora, (sono già trascorsi 58 anni) non
ha mai smesso di giungere a casa dei propri Iscritti per informarli su quanto accadeva nel mondo del turismo all’aria aperta e
sulle agevolazioni previste dalla CCI.
1957 - 2007:
vengono gestiti ben 20
campeggi sparsi in tutt’Italia. Il primo è
stato quello di “Villa Camerata” in Firenze
(1/4/57 - 15/1/92); l’ultimo quello di “Frassanito” in Otranto/LE (1/7/70 - 31/12/2008).
Il campeggio “Frassanito” è stato il primo
grande campeggio costruito nell’Italia meridionale. I campeggi confederali hanno
ospitato (solo nel periodo 1981 - 2000) ol-
Dall’Aglio Caravan S.r.l.
Via G. Di Vittorio, 8 - 43044 Lemignano di Collecchio (Parma)
Tel. e fax 0521 804174 - [email protected]
www.dallagliocaravan.it
5
Ripresa del mercato: incentivare solo non basta
di Vittorio Dall’Aglio
In questi ultimi mesi si parlato tanto di rottamazione, supponendo più ipotesi al riguardo. Ipotesi, e non certezze, dovute al
fatto che solamente dopo la pubblicazione
del decreto attuativo si potranno conoscere i dettagli dell’operazione.
Possiamo comunque anche noi come Assocamp fare delle congetture, che in base
al passato e guardando altri settori, potrebbero rispecchiare sufficientemente
quella che dovrebbe essere la realtà.
Innanzi tutto il decreto parla di “contributi”
fino ad 8.000 euro l’uno per un totale a disposizione di -. 5.000.000. Questo fa pensare che si possa arrivare a ricevere contributi per almeno 625 autocaravan radiati
appartenenti alle categorie Euro 0, Euro 1
ed Euro 2..
Oltre a questo ci sarà sicuramente una
quota che il concessionario, in maniera autonoma e singolarmente metterà a disposizione.
Mi auguro, Come Concessionario e Pre-
sidente di Assocamp che la stessa partecipazione ci sia anche da parte delle case
costruttrici. In caso contrario si tratterebbe
di una iniziativa non sostenibile ed inutile.
Tali iniziative non saranno comuni a tutti i
singoli marchi, ma ciascun brand si muoverà in autonomia, rispecchiando quelle che
sono le leggi della libera concorrenza.
A mio parere, comunque, è ipotizzabile
che il risparmio per un cliente che deciderà
di rottamare il proprio veicolo acquistandone uno nuovo, si aggirerà fra 11.000 ed
i 13.000 euro.
Una cifra di tutto rispetto ed importante
che ritengo indurrà diversi possessori di
camper a sfruttare l’iniziativa.
L’ Assocamp ha poi concluso un accordo
con Agos, che da anni è il solo partner fi-
nanziario, grazie al quale sarà possibile,
per i veicoli acquistati tramite gli incentivi,
e per i centri vendita Assocamp, accedere
a finanziamenti per la differenza (totale o in
parte) ad un tasso di grande interesse.
La scadenza prevista per poter godere di
tali incentivi dovrebbe essere il 31 dicembre 2016.
Tale opportunità rappresenta per molte famiglie la possibilità di sostituire il proprio
veicolo con uno nuovo fiammante che li
metterebbe in condizione di viaggiare in
maggiore sicurezza e comodità per molti
anni.
Siamo consapevoli che la soglia di ingresso per un autocaravan nuovo attestandosi
sui 45/50.000 euro prevede un certo investimento, ma visto nell’ottica di un utilizzo
di lungo periodo (tanto dura infatti un autocaravan in perfetta efficienza) e grazie
alle agevolazioni finanziarie, può risultare
accessibile.
Di questo e di tanto altro si parlerà a metà
maggio in occasione di una importante
Convention che Assocamp organizzerà a
Verona.
Dopo alcuni anni, infatti, in cui l’associazione aveva deciso di non organizzare più
eventi simili, per il 2016 si è voluto tornare
alle vecchie abitudini e poter così raggruppare tutti gli associati in un congresso di
2 giorni che rappresenterà sicuramente un
momento importante e significativo per
tutta la rete vendita e per il settore.
A tale appuntamento è stato invitato il Presidente della Confedercampeggio, che sono certo non
declinerà l’invito, in rappresentanza dei tanti Club e dei tanti
Associati.
6
TOUR.IT a Carrara
soddisfatti gli organizzatori
di Ugo Stranieri
La 14^ edizione di TOUR.IT ha consentito quest’anno di far convergere nella
stessa data 3 rassegne fieristiche dedicate alla caccia, alla pesca ed al turismo
itinerante.
Nel complesso 218 espositori, di cui 111 per TOUR.IT, hanno occupato ben
25.000 mq.
Oltre che essere momento commerciale e di esposizione, la manifestazione ha
proposto, come da tradizione,
molte occasioni di aggiornamento e confronto rispetto alle
tematiche di maggiore attualità,
grazie alla fattiva partecipazione
delle associazioni di categoria
che da sempre supportano la
manifestazione.
Alla rassegna ha preso parte anche la nostra Confederazione grazie alla presenza
del Vice Presidente Vicario Ugo Stranieri e
della Presidente dell’ACTI Savona, Aurora
Bogliolo. Interessanti i contatti avuti per
l’occasione dal nostro Presidente Nazionale accompagnato dal Presidente dell’ARCER e dalla Segretaria Generale. Notevole
la soddisfazione espressa dal Presidente
di CarraraFiere, Fabio Felici, per i risultati
ottenuti con la nuova formula applicata al
Salone: “L’apprezzamento del numeroso
pubblico che ha visitato Vita all’Aria Aperta
ci ha convinti di aver fatto la scelta giusta,
accorpando tre saloni rivolti a tre diverse
aree di attività e di pratica a contatto della
natura unite dal comune interesse per l’ambiente e la sua qualità, e connesse da espositori che spesso operano trasversalmente
rispetto ai diversi settori merceologici. La
soddisfazione dei nostri espositori rafforza
la centralità del nostro territorio, caratterizzato da una grande varietà di paesaggi anche nel volgere di pochi chilometri, ottimi
per sperimentare la vita e gli sport en plein
air.
La Toscana è peraltro centrale per il settore
dei caravan e camper, essendo l’80% della
produzione nazionale localizzata negli otto
comuni della Val d’Elsa e della Val di Pesa.
Lavoreremo sempre di più per dare risalto e
centralità, attraverso la nostra manifestazione, a questi settori strategici per l’economia
turistica del nostro territorio”.
Dopo il successo della scorsa edizione, EXPOCAMPER
si ripresenta con nuovi input per conoscere e vivere
al meglio il turismo itinerante e all’aria aperta. Una
panoramica di novità commerciali, idee e consigli
per tutti gli appassionati del campeggio e del turismo
itinerante, con le migliori marche di camper, caravan,
tende, attrezzature ed accessori.
Nome:
Città:
E-mail:
Firma:
Tagliando da cambiare alle casse con regolare biglietto per l’accesso di una persona, per un solo ingresso, a 6 Euro anziché 8 Euro.
7
Club: viaggi ed escursioni senza licenza
di Marco Elmi
La Presidente del C.C. Orsa Maggiore ci
ha inviato recentemente un articolo a firma
di Hugo Rosati relativo alla posizione assunta dalla Agenzia delle Entrate in merito
all’organizzazione di pacchetti turistici ivi
comprese le gite di un giorno organizzate
da associazioni, amici, parrocchie, etc. Secondo l’articolista l’Agenzia delle Entrate
deve accertare che l’organizzatore sia munito della “licenza di agenzie di viaggio e
turismo (art. 9, L. 17 maggio 1983 n° 217)”.
Il discorso vale per qualsiasi soggetto (associazione, ente pubblico o privato). Conseguentemente l’articolista ritiene che solo
le agenzie di viaggi e turismo siano autorizzate ad emettere fatture e ad introitare
compensi per l’organizzazione di viaggi.
Ebbene l’articolista ha espresso una sua
opinione in data 11 dicembre 2015 perché,
probabilmente, non era a conoscenza di
una sentenza della Corte di Cassazione
emessa il 28/10/2015 con il provvedimento
21988. La Corte ha giudicato come inaccettabile la pretesa dell’Agenzia delle Entrate
in quanto le iniziative di alcuni organizzatori non sono volte a ricavare introiti con un
certo carattere di stabilità.
Doveroso ricordare in sintesi come è nata
la vertenza. Un’ Associazione ha ricevuto
notifica di avviso di accertamento, con il
quale L’Agenzia Delle Entrate ha accertato
maggiore imponibile IVA e maggior reddito
imponibile ai fini delle imposte dirette per
gli anni dal 1999 al 2002, derivato dal fatto
che l’Associazione organizzava gite a favore dei propri soci limitandosi a noleggiare
un’autobus, a dare incarico ad agenzie di
viaggio per organizzare in media due gite
l’anno, limitandosi a raccogliere il denaro
per un’importo pari al costo dei bliglietti.
L‘ Associazione ha prodotto ricorso in commissione provinciale senza esito favorevole, di contro , quella regionale ha accolto
l‘appello dell‘Associazione. Avverso questa
ultima sentenza l‘Agenzia delle Entrate ha
presentato ricorso alla Corte di Cassazione
che, in data 29 Settembre 2015, ha rigettato il ricorso con la seguente motivazione:
„“La normativa Comunitaria considera fatte nell‘esercizio di attività commerciali „ Le
cessioni di beni e le prestazioni di servizi ai
soci, associati, o partecipanti verso pagamento di corrispettivi specifici, o di contributi supplementari determinati in funzione
delle maggiori o diverse prestazioni alle
quali hanno diritto, ad esclusione di quelle
effettuate ai fini istituzionali da Associazioni
politiche, sindacali e di categoria, religiose,
assistenziali, culturali, sportive dilettantistiche, di promozione sociale e di formazione
extrascolastica della persona.““.
In sostanza, la Corte di Cassazione ha rimarcato il fatto che per essere attività
commerciale tassabile sia ai fini Iva che sul
reddito, occorre che lo svolgimento dell‘
attività sia finalizzata unicamente per ricavarne introiti, e chiarisce che la possibilità
di qualificare un‘operazione a titolo oneroso presuppone unicamente l‘esistenza di
un nesso diretto tra la cessione di beni o la
prestazione di servizi ed il corrispettivo effettivamente percepito. Non è sempre vero
che l’organizzazione di viaggi è “ex legge”
di natura commerciale anche se è svolta in
diretta attuazione degli scopi sociali verso
gli associati ed indipendentemente dal numero di viaggi organizzati durante l’anno.
Ora, poiché era stato escluso lo svolgimento di attività volte a ricavare introiti con un
certo carattere di stabilità (l’associazione
aveva noleggiato un autobus per alcune
trasferte in Italia, incaricando un’agenzia
di organizzare il tutto con una media di un
paio di volte l’anno), raccogliendo fondi tra
i partecipanti pari al solo costo effettivo,
la pretesa dell’Agenzia veniva meno. Tutto ciò –sempre secondo la sentenza della
Corte—presuppone che l’associazione sia
stata debitamente registrata e fornita di
codice fiscale, nonché sia in grado di dimostrare che non ha ricavato alcun “guadagno” per organizzare quella gita o viaggio. La Corte di Cassazione, dunque, crede
e difende il volontariato.
8
Confedercampeggio: nuovi organismi e “Quota Rosa”
di Irene Vai
Come molti lettori sanno, l’Assemblea
Nazionale riunitasi il 12 dicembre 2015 ha
provveduto ad eleggere (presenti quasi il
90% dei delegati) i componenti il Consiglio
di Amministrazione, il Collegio dei Revisori
dei Conti ed il Collegio dei Probiviri Nazionali per il triennio 2016-18.
Quindi, il nuovo Consiglio di Amministrazione, nel corso della sua prima seduta del
29 gennaio u.s., ha provveduto a costituire i
Gruppi di Lavori di cui di seguito:
Consiglio Nazionale Confedercampeggio:
Il Dott. Ugo STRANIERI: Vice
Presidente vicario, con delega
alla firma per conto dell’Ente, in
caso di assenza od impedimento del Presidente Nazionale.
Problemi, elaborazione studi, proposte e
consulenza, iniziative relative al tesseramento.
Il Sig. Vittorio DALL’AGLIO:
Vice Presidente.
Rapporti con organismi ed associazioni dei Costruttori e dei
Venditori di veicoli ricreazionali
oltre che con le Organizzazioni sindacali di
categoria.
Collegio Nazionale Revisori dei Conti
BARDIA), Pierantonio Bevilacqua (VENETO), Piercamillo Campanelli (MARCHE), Vincenzo De Lisio (MOLISE), Angelo Cannistraci (SICILIA), Luisella Verra
(Piemonte), Saverio Del Sole (PUGLIA).
Dott. Arturo Pinto
Dott. Luigi Lanza
Dott. Giampaolo Celon
Collegio Nazionale Probiviri
conferimento deleghe per il triennio 2016 - 2018
2.“Statuto Confederale”: Orlando Nata-
lucci (Componente CdA Confedercampeggio, MARCHE), Pierantonio Bevilacqua (VENETO), Roberto Mongiat (FRIULI V.G.), Luisella Verra (PIEMONTE), Nicola Catalano (BASILICATA), Paolo Casi
(EMILIA ROMAGNA), Saverio del Sole
(PUGLIA)
Raffaele Motola
Stefano Rozera
Claudio Amicucci
Avv. Antonella Brandolisio
Fiorenzo Cacciatori
Gruppi di Lavoro Confedercampeggio:
1.“Staff del Presidente Nazionale”: Guido Bertinetti (LAZIO), Casi Paolo (EMILIA ROMAGNA), Emanuele Paolicelli
(BASILICATA), Adriano Cremonte (LOM-
3.“Raduni
e manifestazioni”: Marcello
Arcangeli (Componente CdA Confedercampeggio, UMBRIA), Vincenzo De Lisio
(MOLISE), Franco Frizzera (T.A.A.), Massimo Zanella (VENETO), Adriano Cre-
Il Dott. Fiorenzo MASSETTI:
Rapporti con il Gruppo Nazionale Giovani, ricerche, studi e
proposte iniziative idonee ad
esaltare ulteriormente gli scopi
confederali nel settore giovanile. Ricognizione e contatti strutture campeggistiche della
Sardegna.
Il P.E. Angelo MALAGUTI:
Elaborazione, studi, proposte
e consulenza per una migliore
comunicazione delle iniziative e del materiale informativo
dell’Ente circa il turismo itinerante e campeggistico
4.“Tesseramento – iniziative e norme”:
Ugo Stranieri (Componente CdA Confedercampeggio, LIGURIA), Oscar De Faveri (LOMBARDIA), Maurizio Mion (VENETO), Piercamillo Campanelli (MARCHE), Aride Laghi (EMILIA ROMAGNA),
Salvatore Sanna (SARDEGNA), Giuseppe De Rosa (UMBRIA)
5.“Attività promozionali”: Angelo Malaguti (Componente CdA Confedercampeggio, LOMBARDIA), Aurora Bogliolo
(LIGURIA), Caterina Cavagliato (PIEMONTE), Lorena Federici (EMILIA ROMAGNA), Palmira Imperatore (BASILICATA), Antonietta Rutigliano (PUGLIA),
Luisella Crestan (VENETO)
ZATON HOLIDAY RESORT - Zadar, Dalmazia
Il Rag. Marcello ARCANGELI:
Elaborazione, studi, proposte
e consulenza anche di natura
legislativa in merito al turismo
itinerante e campeggistico in
caravan. Agriturismo, rapporti tra le associazioni agrituristiche e la Confedercampeggio,
curando l’organizzazione di incontri, convegni ed altro nell’interesse della Confederazione.
Il Dott. Giovanni GRASSI: Rapporti con le Organizzazioni
Sindacali per stipule di accodi
preferenziali con il nostro Ente.
Studi, ricerche e proposte per
eventuale costituzione di associazioni di categoria, idonee ad esaltare ulteriormente gli
scopi confederali.
monte (LOMBARDIA), Guido Bertinetti
(LAZIO), Maurizio Ciacchella (TOSCANA)
offrirti una serena ed idilliaca vacanza
facendoti immergere nella calda ed
affascinante atmosfera del “Top Quality”.
MEMO:
Per una vacanza al top
Completamente immersa nel verde con
1,5 km di spiaggia di sabbia, questa super
attrezzata struttura offre accoglienza sia
in un moderno ed elegante villaggio dall’
architettura tipicamente dalmata, sia in
comode e attrezzate piazzole nell’ area
camping.
Sono a disposizione oltre 1000 piazzole
(ciascuna avente una superficie di 80 –
120 m2) con elettricità, acqua ed scarico.
Moderni impianti igienico-sanitari e
postazioni per barbecue completano il
quadro di uno dei più premiati campeggi
d’Europa.
Il mare è poco profondo e, proprio per
questo, rappresenta l’ideale per i bambini,
ma anche per gli adulti che prediligono
riposarsi al sole.
Naturalmente, sono ammessi gli animali
da compagnia: per loro è a disposizione
una spiaggia ed apposite doccie.
Innumerevoli sono poi le possibilità
di praticare diversi sport ed attività
organizzate e naturalmente godersi il
relax in questo angolo suggestivo della
Dalmazia. Ricca offerta gastronomica ti
farà apprezzare ancora di più i sapori ed i
profumi della nostra terra.
Due piscine ubicate lungo la spiaggia con
splendidi team di animazione saranno
difficili da dimenticare per i campeggiatori
più giovani. Escursioni nei vicini parchi
nazionali delle Isole Kornati, i laghi di
Plitvice, le cascate di Krka e Paklenica
completano la vacanza relax per tutta la
famiglia, amici a quattro zampe compresi.
Ti aspettiamo al Zaton Holiday Resort per
• RIDUZIONI - i soci del
Federcampeggio godono lo sconto di
10% per persona.
OFFERTA SPECIALE: Confedercampeggio Camping Card 2016
L' offerta è valida
• dal 30.04. - 24.06. e 01.09 - 30.09.2016
Offerta include:
• 2 persone
• piazzola di 90 – 100 m2 con corrente
elettrica, allaccio acqua, lo scarico
• animale da compagnia
Prezzo del pacchetto:
• 19,00 € al giorno (la tassa del soggiorno
non è inclusa nel prezzo e si paga 1,00 €
per persona al giorno)
Si prega di presentare questa tessera subito all’ arrivo per
poter usufruire l’offerta speciale.
Il Rag. Orlando NATALUCCI:
Settori Finanza e Bilancio, elaborazione studi, proposte e
consulenza anche in merito ad
eventuali contenziosi di natura
6
contabile.
Il Sig. Angelo VARRIALE: Rapporti, studi, proposte e consulenza inerenti i rapporti con
Federazioni e Club dell’Italia
meridionale.
La Signora Irene VAI: Segretario
Generale dell’Ente dal 1 gennaio 2016 sino alla scadenza
dell’attuale Consiglio di Amministrazione.
INFO:
ZATON HOLIDAY RESORT, Dražnikova 76 t • HR-23232 Nin
T. +385 23 205 580, 280 215 • F. +385 23 280 310
E. [email protected]
www.zaton.hr • GPS. N 44°13’41’’ E 15°10’09’’
Managed by Turisthotel d.d. Zadar
9
Una polizza di assistenza gratuita per tutti gli iscritti
di Sabrina Intesa
La Confederazione Italiana Campeggiatori offre per la prima volta a tutti i propri
iscritti e familiari una polizza di assistenza
gratuita che rende disponibile la massima
assistenza e soccorso in caso di necessità
durante il campeggio.
Un vantaggio importante che permette di
avere sempre un aiuto concreto soprattutto
quando ci si trova in situazioni di emergenza.
Tutte le garanzia della polizza sono gestite
da UniSalute, la Compagnia del gruppo Unipol specializzata in assistenza sanitaria che
da 20 anni si occupa esclusivamente della
protezione della salute. La polizza è davvero
completa e comprende tante garanzie utili
sia in Italia che all’estero. Basta semplicemente telefonare al numero verde dedicato
della Centrale Operativa telefonica UniSalute per avere sempre a portata di mano tutti
i servizi.
PARERI MEDICI
Se a seguito di infortunio
o malattia gli iscritti necessitano di consulenza
medica urgente, UniSalute fornirà tramite i propri medici le informazioni richieste.
INVIO DI UN MEDICO
Se a seguito di infortunio o malattia l’iscritto
necessita di un medico dalle 20.00 alle 8.00
nei giorni feriali o nelle 24 ore nei giorni festivi e non riesce a reperirlo, UniSalute invierà a
proprie spese uno dei medici convenzionati. In caso di impossibilità di uno dei medici
convenzionati a intervenire, UniSalute trasferirà l’iscritto nel centro medico più vicino e
terrà a proprio carico le spese necessarie per
il trasporto in ambulanza.
DI PRIMO SOCCORSO
Se a seguito di infortunio o malattia l’iscritto
necessita del trasporto in autoambulanza a
seguito di un ricovero per pronto soccorso,
UniSalute invierà un’ambulanza tenendo a
proprio carico le spese fino alla somma necessaria per percorrere 300 km.
VIAGGIO DI UN FAMILIARE IN CASO DI
OSPEDALIZZAZIONE
In caso di ricovero ospedaliero superiore a
12 giorni, UniSalute fornirà un biglietto ferroviario di prima classe o un biglietto aereo
di classe economica, per permettere ad un
familiare convivente di raggiungere l’iscritto
(solo se non sia già presente un altro familiare).
RIENTRO DAL RICOVERO
TRASFERIMENTO IN CENTRO MEDICO
SPECIALIZZATO AUTISTA A DISPOSIZIONE
Se a seguito di infortunio o di malattia improvvisa l’iscritto sia affetto da una patologia
che viene ritenuta dai medici di UniSalute
non curabile nell’ambito dell’organizzazione
ospedaliera della tua regione di residenza, UniSalute organizzerà a proprie spese il
trasferimento nel centro ospedaliero più attrezzato per la patologia in questione, con il
mezzo più idoneo in base alle tue condizioni
di salute.
AUTISTA A DISPOSIZIONE
Se a seguito di infortunio l’iscritto non fosse
in condizione di guidare il veicolo e nessuno degli eventuali passeggeri fosse in grado
di sostituirlo per ragioni obiettive, UniSalute
metterà a disposizione un autista per riportare il veicolo ed eventualmente i passeggeri
fino alla città di residenza secondo l’itinerario più breve (sono escluse le spese di carburante e pedaggio). In alternativa UniSalute
fornirà un biglietto ferroviario di prima classe
o un aereo di classe economica per recuperare il veicolo.
Somma annua a disposizione: - 200 per
evento e per anno.
VIAGGIO DI UN FAMILIARE ALL’ESTERO
Se a seguito di malattia o infortunio l’iscritto
necessiti di un ricovero per più di 12 giorni,
UniSalute paga per un componente della
famiglia un biglietto aereo di classe economica A/R. UniSalute copre anche le spese di
soggiorno, nel limite di - 100 per sinistro.
INVIO DI MEDICINALI
URGENTI ALL’ESTERO
Se a seguito di malattia o di infortunio l’iscritto necessita di medicinali irreperibili nel posto in cui si trovi l’scritto, UniSalute (se sono
commercializzate in Italia) le invierà, tenendo
a proprio carico le relative spese, nel limite
di un invio per anno e per persona. Rimane
a carico dell’scritto il costo di acquisto dei
medicinali.
RIMPATRIO SANITARIO
Se a seguito di infortunio o malattia improvvisa sia necessario il trasferimento dell’iscritto in un ospedale attrezzato in Italia o alla
propria abitazione (residenza), UniSalute effettuerà il trasporto, tenendo a proprio carico le spese, con i mezzi più idonei tra aereo
sanitario; aereo di linea, classe economica,
eventualmente in barella; treno, in prima
classe, se necessario, in vagone letto; autoambulanza senza limiti di percorso.
RIMPATRIO DELLA SALMA
In caso di decesso per infortunio o malattia,
UniSalute organizza il rimpatrio della salma,
tenendo a proprio carico le spese, nel limite
della somma annua a disposizione.
Quanto costa?
Niente, per l’iscritto è completamente gratuita.
Riposatevi dal lungo inverno e godetevi la primavera in uno
dei nostri campeggi sull’Adriatico.
> prenota prima del 31.01.2016
> sistemazione a vostra scelta oppure 10% di sconto in casa mobile incluso nel prezzo
> codice promo: CAMPIT
Prenota online!
10
Chi può usufruire dei servizi?
Tutto il nucleo familiare dell’iscritto.
Cosa copre l’assicurazione?
L’assicurazione copre gli eventi che si verificano all’interno del perimetro del campeggio
o di un’area di sosta riconosciuta e munita di
autorizzazione amministrativa all’esercizio o,
se al suo esterno, nel corso di un’attività organizzata dal campeggio stesso o dall’area
di sosta e realizzata sotto la supervisione di
un responsabile. Per l’attivazione dei servizi è
richiesta la dichiarazione di un rappresentante del campeggio o dell’area di sosta autorizzata, che attesti le modalità di accadimento del sinistro.
Castagnole Lanze, tra Langhe e Monferrato
di Carlo Mancuso
Se vi capitasse di sedervi al computer
e aprire l’applicazione grafica “Google
Earth”, inserendo le coordinate 44°45’7”56
latitudine Nord e 8°9’4”68 longitudine Est,
verreste “portati in volo” a Castagnole
Lanze, in provincia di Asti, tra le Langhe e
il Monferrato.
Castagnole Lanze, 3.900 abitanti su un territorio di oltre 22 Kmq, è situato ai piedi
delle colline della Langa, ai confini delle
provincie di Asti e Cuneo, tra due “core
zone” protette dall’Unesco, quella del
Moscato e quella del Barbaresco. L’origine attestata è medievale, anche se alcuni
documenti di archivio citano un nucleo di
origine romana chiamato “Castanetum” e
riconducibile a Castagnole.
Il paese, parte della comunità collinare
delle “Colline tra Langa e Monferrato”,
insieme ai comuni limitrofi di Coazzolo,
Costigliole d’Asti e Montegrosso d’Asti, si
estende in modo concentrico in due aree
urbanistiche distinte: il centro storico e il
borgo nuovo. Il centro storico è arroccato
nel borgo collinare di San Pietro ed è caratterizzato da edifici d’abitazione risalenti
anche al diciottesimo secolo, la chiesa parrocchiale del 1701 di San Pietro in Vincoli, in
stile barocco, la ex confraternita dei Battuti
Bianchi e la chiesa di San Rocco. Nel Parco
della Rimembranza, in cui sorgeva l’antico
castello dei Lancia, spicca una torre panoramica fatta erigere nel 1880 dal Conte
Paolo Ballada di San Robert, un entomologo torinese che soggiornò a lungo nel
paese. Dal 2012 il parco e la torre ospitano
un percorso museale dedicato al conte Paolo Ballada. Il borgo nuovo si è sviluppato
a partire dei primi decenni del Novecento
nella zona pianeggiante della frazione San
Bartolomeo; in esso si concentrano le attività economiche, in primis la produzione
vinicola e la corilicoltura, componenti fondamentale della redditività agricola.
La produzione vinicola di alta qualità è
particolarmente importante per la vita
economica del paese. Si producono principalmente Barbera d’Asti, Dolcetto d’Alba
e Moscato d’Asti, vini tipici delle Langhe e
del Monferrato. Sul territorio sono operativi numerosi piccoli produttori di pregio e
alcune cantine che hanno saputo negli anni
posizionarsi fra i nomi di richiamo in campo
vinicolo.
Oltre ad offrire un sostegno ai produttori
locali che hanno privilegiato la qualità nella produzione del vino barbera, l’Amministrazione Comunale di Castagnole Lanze,
per promuovere e valorizzare il territorio
e il turismo, nel 2010 ha creato l’iniziativa
“Adotta un filare nelle Lanze”, un proget-
to volto a mettere in stretto contatto coloro che amano il territorio collinare e il vino
di qualità con i viticoltori del paese che di
questo territorio sono i veri custodi e difensori. L’iniziativa consente di “adottare” una
porzione di filare (20 metri lineari) di vitigno barbera d’Asti, all’interno di vigne del
territorio e di proprietà dei viticoltori che
hanno aderito a questo progetto, unico in
Italia. A fronte di una quota di 100 euro, il
sottoscrittore del patto di adozione riceve
una dotazione di 12 bottiglie di barbera
d’Asti DOCG e al terzo rinnovo può avere
la “personalizzazione” del filare stesso con
l’apposizione di una targhetta sul palo di
testa.
Con i proventi rivenienti dalle adozioni, il
Comune acquista l’uva dai viticoltori i quali,
impegnati nel seguire protocolli predeterminati per la coltivazione dell’uva, forniscono un prodotto di prima qualità e ricevono un corrispettivo superiore a quello di
mercato. L’uva conferita viene vinificata in
una cantina locale con massima garanzia di
qualità. Negli anni lo “zoccolo duro” degli
adottanti ha raggiunto il ragguardevole
livello di 1.500 unità, a testimonianza della bontà del progetto che rappresenta un
modello nuovo di legame tra il nostro territorio, i produttori locali, i prodotti tipici, la
qualità e i molti estimatori della passione
impiegata nella difesa di un patrimonio da
trasmettere alle prossime generazioni: il
nostro ambiente.
L’Amministrazione in carica sta proseguendo con questa iniziativa che ha nel vino
barbera di qualità un elemento di sicuro richiamo per la rinascita del turismo enogastronomico del territorio, pubblicizzandola
e sviluppandola sempre di più. Da sottolineare come questa iniziativa costituisca
il volano per manifestazioni di particolare
rilievo come la Festa della Barbera giunta ormai alla 38^ edizione, che all’inizio di
maggio attrae un pubblico di varia provenienza e che lo scorso anno ha fatto registrare una presenza di oltre 20.000 visitatori. Tali risultati sono possibili grazie alla
consolidata capacità organizzativa della
Pro Loco del paese che, con la partecipazione di numerosi volontari e cittadini dei
vari borghi, allestisce più di 20 “cortili” e
offre al pubblico piatti tipici legati al territorio, coinvolgendo anche i produttori vi-
nicoli locali che promuovono i loro vini di
qualità. Il tutto per offrire una realtà enogastronomica-turistica di nuovo respiro.
Inoltre, in collaborazione con la Premiata
Bottega del Vino, vengono organizzate
frequenti degustazioni guidate per i turisti
provenienti anche dall’estero (Francia, Svizzera, Germania, ecc.).
Altra manifestazione di grande richiamo e
partecipazione di pubblico è rappresentata dalla Fiera della Nocciola, che negli
ultimi anni ha avuto una rivisitazione e rivitalizzazione da parte dell’Amministrazione
Comunale. Durante questa manifestazione
viene determinato il primo prezzo stagionale della nocciola “Tonda Gentile” e viene offerta la possibilità di degustazione di
prodotti artigianali ottenuti dalla nocciola.
Questa manifestazione si inserisce nel periodo dei festeggiamenti patronali di San
Bartolomeo caratterizzati dallo svolgimento del “Festival Contro”, rassegna di giovani promesse e affermati artisti del settore canoro e musicale nazionale.
Da richiamare, inoltre, lo svolgimento di
manifestazioni “minori” ma non meno partecipate quali “Tra ribollir di tini” che ricopre i week-end di novembre, con l’arrivo di
numerose comitive di turisti accompagnati
a conoscere il territorio, a visitare cantine, a
conoscere produttori appassionati e vini di
qualità; le feste patronali di San Pietro, Capoluogo e Centro storico del paese, Valle
Tanaro, San Lorenzo della quale si ha noti-
zie da oltre un secolo.
Di particolare rilievo è l’attività del Comitato Gemellaggi, attivo nel paese da diversi
anni, che ha sviluppato e continua a promuovere con successo una interessante
attività di scambio turistico-culturale con
quattro paesi europei: Charnay les Macon
(Francia), Brackenheim (Germania), Zbroslawice (Polonia) e Tarnalelez (Ungheria).
Nel 2015, nell’ambito del programma europeo “Europe for Citizens”, si è svolto a
Castagnole Lanze il meeting dei paesi gemellati, con la partecipazione di una nutrita
rappresentanza di ragazzi delle scuole. Un
progetto presentato dall’Amministrazione,
e approvato dall’Autorità Europea, che ha
ottenuto il finanziamento dell’iniziativa mirata ad avvicinare i cittadini europei dell’Unione Europea, proponendosi di colmare
la distanza dalle istituzioni europee, sensibilizzare alla memoria, alla storia e ai valori
comuni dell’Unione, nonché alle sue finalità, quali la promozione della pace, dei valori condivisi e del benessere dei suoi cittadini, stimolando il dibattito e la riflessione
comune, incoraggiando la partecipazione
democratica e civica dei cittadini a livello
di Unione.
L’Amministrazione Comunale attuale, molto sensibile alla promozione e valorizzazione del territorio, ha nel suo programma un
progetto articolato e concreto volto a rendere il paese sempre più bello e attraente,
anche dal punto di vista turistico, in ambito
urbanistico, ambientale, culturale e infrastrutturale: un paese da visitare.
Siti internet da visitare:
www.eventilanze.com/
www.festadellabarbera.it/
www.lanze.it/adotta-un-filare
www.eventilanze.com/festival-contro/2015
www.musicclub.eu/festival/contro-festival-della-canzone-d-impegno
www.astigiando.it/event/festival-contro-fiera-della-nocciola/
11
Sicilia
Camping Village
EL BAHIRA ★★★★
C.da Makari - Località Salinella
91010 - San Vito Lo Capo (TP)
Tel: 0923 972577 - Fax: 0923 972552
www.elbahira.it - [email protected]
In Sicilia, sulle tracce del poeta J.W. Göethe
Camping LILYBEO VILLAGE ★
Contrada Bambina 131 B/Bis
91025 Marsala (TP)
Tel: 0923998357/3209543901
[email protected]
www.campinglilybeovillage.it
GPS: N 37°44’52 E 12°29’46
Alla scoperta della Costa Nord (in n. 5 campeggi Faita Sicilia)
Camping Villaggio
MARINELLO ★★★★
Contrada Marinello – 98060 Oliveri (ME)
Tel: 0941 313000 - Fax: 0941 313702
www.camping.it/sicilia/marinello
[email protected] - www.villaggiomarinello.it
[email protected]
di Gianna Lo Giudice
Il grande poeta tedesco Johann
Wolfang Von Göethe nel suo “Gran
Tour” dell’Italia volle visitare, dopo
Roma e Napoli, anche la Sicilia. Solo
qui capì il senso storico dell’immensa eredità culturale che la Sicilia ha
tramandato al continente europeo passando dalle
civiltà che l’anno plasmata nei millenni:
- Fenicia prima;
- Cartaginese poi;
- Greca successivamente;
- E poi romana.
Infatti egli scrisse:
“L’Italia senza la Sicilia non lascia alcuna immagine
nell’anima, soltanto qui è la chiave di tutto”. Animata anch’io dai miei studi storico/classici mi sono
avventurata in Sicilia, alla ricerca delle radici della
nostra cultura. Arrivando a Messina e percorrendo
tutta la lunghissima Costa Nord lungo il Mar Tir-
reno fino in fondo a Marsala, ma viaggiando con
calma, senza correre e soggiornando nei campeggi
della Faita Sicilia (sono una garanzia di qualità). Li
ho trovati facilmente grazie ad una cartina della Sicilia che mi hanno regalato (la “Guida ai Campeggi
e Villaggi della Faita Sicilia”). Sono quindi partita
da Messina, ricostruita dopo il tremendo terremoto
del 1908, dove ho potuto ammirare queste speciali
Camping Village
barche da pesca per
il pesce
spada★★★★
che incrociano
EL BAHIRA
C.da Makari - Località Salinella
proprio nello Stretto
di-Messina
costantemente
alla
91010
San Vito Lo Capo
(TP)
0923 972577 - Fax: 0923 972552
ricerca di avvistareTel:
questi
pesci
dall’alto
delle
loro
www.elbahira.it - [email protected]
caratteristiche torrette.
1) La mia prima tappa è stata al
Camping Villaggio
MARINELLO ★★★★
Contrada Marinello – 98060 Oliveri (ME)
Tel: 0941 313000 - Fax: 0941 313702
www.camping.it/sicilia/marinello
[email protected] - www.villaggiomarinello.it
[email protected]
Un villaggio/campeggio situato sotto un bosco
di eucalyptus, sul mare, all’interno della riserva
naturale dei “Laghetti di Marinello”, con n. 5 km
di spiaggia incontaminata ed un mare caldissimo;
naturalmente dotato di tutti i servizi e gestito dal
gentile “Nanni” Greco
ed il suo “Team”, sempre
Camping LA PINETA ★★★★
Via Del Secco,
90
disponibile ad aiutarti.
Questo
villaggio/campeg91010 - San Vito Lo Capo (TP)
Tel: 0923
972818
gio è stata la mia base
per
esplorare
le numerose
Fax: 0923 621382
attrattive turistiche www.campinglapineta.it
della
zona.
[email protected]
- L’Etna, parte Nord, con i suoi 3.342 metri è il più
grande vulcano di tutta l’Europa: un mondo, diCamping LILYBEO VILLAGE ★
rei, quasi “Infernale”;
Contrada Bambina 131 B/Bis
91025
Marsala
(TP)
- Tyndaris: una
delle
ultime
colonie greche in SiTel: 0923998357/3209543901
[email protected]
cilia;
www.campinglilybeovillage.it
37°44’52
E 12°29’46
- Milazzo: conGPS:il Nsuo
castello,
punto di partenza
per le isole Eolie
- I monti Nebrodi:oggi Parco regionale.
Sicilia
· PUNAT · Isola Krk · Croazia
Camping & Village
RAIS GERBI ★★★
Contrada Rais Gerbi - S.S. 113 KM 172,9
90010 - Finale di Pollina (PA)
Tel: 0921 426570 - Fax: 0921 426577
www.raisgerbi.it
[email protected]
Camping LA PINETA ★★★★
Via Del Secco, 90
91010 - San Vito Lo Capo (TP)
Tel: 0923 972818
Fax: 0923 621382
www.campinglapineta.it
[email protected]
E’ direttamente sul mare ed è dotato di tutti i servizi, compresa la piscina. Antonino ed il suo “Team”
sono sempre sorridenti e pronti ad aiutarti per vivere al meglio San Vito Lo Capo. Questa località,
grazie alla lungimiranza dell’amministrazione locale, organizza una serie di manifestazioni, come il
festival del cus-cus, che attraggono tanti turisti.
Da segnalare in zona:
- Castellamamare del Golfo;
- La Riserva dello Zingaro: una splendida riserva
naturale, con le sue grotte, e tanto altro.
4) Un altro Villaggio/ campeggio che ho visitato è
Camping Village
EL BAHIRA ★★★★
C.da Makari - Località Salinella
91010 - San Vito Lo Capo (TP)
Tel: 0923 972577 - Fax: 0923 972552
www.elbahira.it - [email protected]
Impianti sanitari totalmente rinnovati • parzialmente lottizzati • Possibilità di prenotazione • Parcheggio ampliato per camper • Animazione
HR-51521 Punat | Tel. +385 51 854 020, 854 122 | Fax +385 51 854 020
E’ uno dei più bei campeggi/villaggi della Sicilia, incastonato tra leCamping
scogliere
ed il mare in una posizioVillaggio
MARINELLO ★★★★
ne splendida con
tutti
i
migliori
servizi, compresa
Contrada Marinello – 98060 Oliveri (ME)
Tel: vista
0941 313000
- Fax: 0941 313702
la piscina, ed una
bellissima.
Da
qui si possono
www.camping.it/sicilia/marinello
[email protected]
- www.villaggiomarinello.it
facilmente visitare
le
attrattive
turistiche
della zona:
[email protected]
- Lo splendido tempio greco di Segesta;
- La particolarissima Erice, con le sue mura ciclopiche;
- Trapani: davanti alle isole Egadi
- I mulini a vento.
www.hoteli-punat.hr
Il NATURIST CAMP KONOBE è uno degli impianti più belli dedicati ai nudisti in
Croazia! È situato in una baia protetta, circondato da pendii soleggiati e
piante profumate.
Sicilia
Impianti sanitari totalmente rinnovati • parzialmente lottizzati • Possibilità di prenotazione • Parcheggio ampliato per camper • Animazione
HR-51521 Punat | Tel. +385 51 854 036, 854 049 | Fax
Camping LA PINETA ★★★★
Via Del Secco, 90
5) Poiché volevo
fino in fon91010 - “arrivare
San Vito Lo Capoproprio
(TP)
Tel: 0923 972818
do” ho guidato
Fax: 0923fino
621382a Marsala, il punto più
www.campinglapineta.it
orientale della
Sicilia e mi sono fermato a
[email protected]
Camping
Village
+385
51 EL
854
036
BAHIRA ★★★★
C.da Makari - Località Salinella
91010 - San Vito Lo Capo (TP)
Tel: 0923 972577 - Fax: 0923 972552
www.elbahira.it - [email protected]
www.hoteli-punat.hr
Camping LILYBEO VILLAGE ★
Contrada Bambina 131 B/Bis
91025 Marsala (TP)
Tel: 0923998357/3209543901
[email protected]
www.campinglilybeovillage.it
GPS: N 37°44’52 E 12°29’46
Camping Villaggio
MARINELLO ★★★★
Contrada Marinello – 98060 Oliveri (ME)
Tel: 0941 313000 - Fax: 0941 313702
www.camping.it/sicilia/marinello
[email protected] - www.villaggiomarinello.it
[email protected]
PHOTO: IVO PERVAN, CNTB
Camping LA PINETA ★★★★
Via Del Secco, 90
91010 - San Vito Lo Capo (TP)
Tel: 0923 972818
Fax: 0923 621382
www.campinglapineta.it
[email protected]
12KonobePila_210x287_I.indd
1
Il campeggio è accogliente, direttamente sul mare,
con una bella piscina con acqua di mare; siamo
stati accolti dal gentilissimo Enzo Cerrito e dal suo
“Team”sempre pronto e disponibile. Le cose belle
da scoprire nel suo hinterland: Cefalù : con il suo
Camping Village
caratteristico borgo
di pescatori
la sua CattedraEL BAHIRAe★★★★
C.da Makari - Località Salinella
le normanna
91010 - San Vito Lo Capo (TP)
Tel: 0923 972577 - Fax: 0923 972552
- Il Parco regionale
delle Madonie con i suoi
www.elbahira.it - [email protected]
borghi antichi e con la possibilità di visitare i
Secolari Agrifogli Giganti di Piano Pomo o gli
Abies Nebrodensis (circa 30),di Vallone degli
Angeli,relitti Camping
dell’ultima
Era Interglaciale.
Villaggio
MARINELLO
★★★★ appollaiato
- Pollina,uno dei
borghi
del Parco,
Contrada Marinello – 98060 Oliveri (ME)
Tel: 0941
313000
-gode
Fax: 0941di
313702
su di una rupe
da
cui
si
panorami unici
www.camping.it/sicilia/marinello
- www.villaggiomarinello.it
e [email protected]
per
la
coltivazione
e produzione
[email protected]
della” Manna”.
Partendo da qui ho anche visitato Palermo e Monreale.
Si
Camping LA PINETA ★★★★
Via Del Secco, 90
91010 - San Vito Lo Capo (TP)
Tel: 0923 972818
Fax: 0923 621382
www.campinglapineta.it
[email protected]
CAMP PILA si trova nella parte sud della soleggiata isola di KrK.
I singoli lotti sono situati al centro di un bosco di pini e sono dotati di corrente
elettrica ed acqua.
[email protected]
Camping & Village
RAIS GERBI ★★★
Contrada Rais Gerbi - S.S. 113 KM 172,9
90010 - Finale di Pollina (PA)
Tel: 0921 426570 - Fax: 0921 426577
www.raisgerbi.it
[email protected]
3) La nuova tappa è stata
La città di Punat si trova nella
parte sud-occidentale dell’isola di
Krk, lungo una baia protetta affacciata
sull’Adriatico. Graziosi vicoli e stradine, archi a tutto
sesto, terrazze e cantine tipiche, al pari delle spiagge di ciottoli,
dei vigneti e degli oliveti, rendono incantevole la regione di Primorje.
Usufruite delle nostre offerte speciali pre e post stagione!
[email protected]
2) Nella mia seconda tappa
Camping Village
EL BAHIRA ★★★★
C.da Makari - Località Salinella
91010 - San Vito Lo Capo (TP)
Tel: 0923 972577 - Fax: 0923 972552
www.elbahira.it - [email protected]
13.01.16 | KW 2 12:58
Camping Villaggio
Dotato di tutti i servizi e con numerosi bungalow in
muratura circondati da uliveti e da bellissimi alberi di
pepe rosa, è aperto tutto l’anno. Marsala è famosa
storicamente perCamping
lo sbarco
di Garibaldi, che partendo
& Village
RAIS GERBI ★★★
da qui ha sconfitto
l’esercito
borbonico.
Contrada
Rais Gerbi - S.S.
113 KM 172,9 Ma Marsala
90010 - Finale di Pollina (PA)
è nota soprattutto
per426570
l’omonimo
vino che l’ha resa
Tel: 0921
- Fax: 0921 426577
www.raisgerbi.it
famosa nel mondo
e
che
potrete
degustare nelle
[email protected]
numerose cantine aperte al pubblico. Il suo territorio
comprende la Riserva Naturale delle Isole dello Stagnone, in cui spicca l’isola di Mozia, antica città dei
Fenici, che raccoglie un patrimonio naturale e storicoarcheologico unico al mondo. Da qui ho visitato Mazara del Vallo, col suo importante porto peschereccio;
le splendide Isole Egadi raggiungibili con un comodissimo aliscafo dal porto di Marsala. Altra attrattiva
più a Sud è Selinunte. Secondo me le vestigia greche
più significative ed affascinanti di tutta la Sicilia !! Nata
dai greci e distrutta dai cartaginesi.
Ancora ripensando al mio viaggio,
mi fa sognare !!
Sicilia
Camping LILYBEO VILLAGE ★
Contrada Bambina 131 B/Bis
91025 Marsala (TP)
Tel: 0923998357/3209543901
[email protected]
www.campinglilybeovillage.it
GPS: N 37°44’52 E 12°29’46
Si
I tesori nascosti di Brescia e della Franciacorta
di Franco Frizzera
Preziosa città d’arte l’antica Brixia
nasconde innumerevoli tesori che
ricordano non solo il suo importante ruolo durante l’epoca romana, ma pure le antichissime origini
celtiche, il ricco passato di comune medievale, la raffinata città sotto il dominio veneziano, l’impor-
le vie e nelle piazze di Brescia è
come percorrere un itinerario nel
tempo: Piazza del Foro con le sue
testimonianze romane, Piazza Paolo VI con i suoi imponenti edifici
medioevali, Piazza della Loggia
con le sue armoniose architetture rinascimentali, piazza Vittoria,
moderna e monumentale. Gli
eleganti e signorili palazzi, le innumerevoli e pregevoli chiese,
l’imponente castello che si raggiunge con una piacevole salita
attraverso un bel parco, svelano
al visitatore una città inaspettata
e affascinante su cui primeggia il
complesso di Santa Giulia, unico
per concezione espositiva e per
sede. Come una scatola cinese
delle meraviglie architettoniche e
artistiche il Museo di Santa Giulia
si trova all’interno del Monastero,
complesso monastico che, a sua
volta, ingloba l’antico Monastero di San Salvatore. Noto anche
come Museo della Città consente un viaggio attraverso la storia,
l’arte e la spiritualità dalla preistoria a oggi. Tuttavia sono le piccole chiese che lasciano stupefatti:
preziosi capolavori, veri tesori
artistici. Proprio accanto a Santa
Giulia si protende una ripida scalinata verso la Chiesa di San Cristo.
E’ una denominazione sconosciuta e strana, il nome esatto è Chiesa del Santo Corpo e Sangue di
Cristo o del Corpus Domini: pare
sia l’unica chiesa esclusivamente
dedicata all’Eucarestia. Varcata
la soglia, lo spettacolo che si presenta lascia sbalorditi. Si è di fronte a un ciclo pittorico di notevole
vastità, una successione di figure
e colori che si dispiegano dalle
pareti al soffitto che richiamano
subito la Cappella Sistina. Ancora, poco distante dal Foro Romano, si trova la splendida chiesa barocca di Santa Maria delle
Grazie parte dell’Istituto delle
Convertite della Carità, nato con
l’intento di accogliere le prostitute che avevano deciso di cambiar
vita e le donne vittime delle violenze dei soldati francesi durante
il Sacco di Brescia del 1512. Col
trasferimento del monastero nel
1998 per la chiesa, in uno stato di
profondo degrado e con la cupola a rischio di crollo, iniziò un lungo e laborioso lavoro di restauro
che portò, nel 2013, alla sua riapertura. L’interno è spettacolare,
dominato dal maestoso altare
maggiore che si presenta come
un grande involucro cubico in legno e marmo, dentro il quale è
custodita dal 1658 la fedele riproduzione della Santa Casa di Nazareth conservata nel Santuario di
Loreto. Un’altra perla è il museo
della “Mille Miglia”, alla quale è
dedicato uno spazio espositivo
collocato in una cornice scenografica particolare: il complesso
monastico di Sant’Eufemia, la cui
ristrutturazione ha permesso altresì di recuperare un immobile di
grande valore archeologico, storico e architettonico che stava subendo un degrado inarrestabile e
dove si possono ammirare gioielli
su quattro ruote inseriti in scenografie che richiamano le epoche
storiche toccate dalla corsa. L’ampia zona collinare che congiunge
le Alpi alla Pianura Padana pren-
di sosta per i pellegrini in viaggio
verso Roma. Fra il ‘500 e il ‘600 vi
operarono i massimi esponenti
artistici locali dei quali sono visibili numerose opere. Proseguendo
verso il lago lungo le propaggini
pedecollinari allo sbocco della
Valcamonica, sorge il Monastero
di S. Pietro in Lamosa affacciato
sulla Riserva Naturale delle Torbiere Sebine. Di notevole interesse un ciclo di affreschi sulla storia
di Gesù del XVI sec., il chiostro e
la sala dei Disciplini. Verso il Lago
di Garda, a Ciliverghe di Mazzano, sorge la spettacolare villa del
noto letterato del Settecento Federico Mazzucchelli. E’ visitabile
attraverso un percorso lungo il
quale si possono ammirare oltre
agli arredi d’epoca, gli affreschi
che conducono con narrazioni
pittoriche nel mondo della cul-
tura dell’epoca. Del complesso
fanno parte il Museo della Moda
e del Costume, circa 6.000 pezzi tra abiti, accessori, cappellini,
ombrellini, ventagli, biancheria
intima e da casa, abbigliamento
infantile e giocattoli, dal Settecento fino all’alta moda del Novecento e il Museo del Vino e del
Cavatappi, una curiosa collezione
di oltre 2000 pezzi. Naturalmente
dopo questa visita non mancherà
l’interesse per gli altri grandi tesori, con una sosta e visita a una
delle cantine che hanno reso celebre nel mondo questa zona per
l’eccellenza dei suoi prodotti vinicoli.
www.campermagazine.tv - [email protected]
10
sgs comunicazione creativa
tante centro longobardo e il ruolo
di primo piano nello sviluppo industriale moderno. Il turista itinerante è benvenuto e accolto con
un’ottima sistemazione a Cascina
Maggia poco distante dall’autostrada e con il centro facilmente
raggiungibile. Passeggiare nel-
de il nome di Franciacorta. E’ un
territorio ricco di storia, di arte, di
cultura, di prodotti alimentari di
eccellenza, costeggiato di borghi
antichi dove tra zone coltivate e
insediamenti industriali compaiono antiche e moderne ville signorili, castelli e dimore storiche,
piccole chiese e grandi abbazie.
Verso Iseo l’Abbazia Olivetana di
San Nicola a Rodengo Saiano, è
dal punto di vista artistico uno dei
più maestosi e ricchi complessi
religiosi del nord Italia. Fondata
prima del 1050, serviva da punto
2005 2015
13
Roma, la nostra Capitale in Caravan
di Guido Bertinetti
zionali: Palazzo Chigi, la Camera dei Deputati, il Senato della Repubblica, la Prefettura, il Quirinale.
Per visitare Roma occorrono molti e molti
giorni, anche per assaporarne lo spirito caratterialmente sopito ma in realtà dinamico
e caotico, approfittando soprattutto dei
giorni feriali per godersi le piazze del centro, con i caffè all’aperto e i mercati rionali
con i colori della frutta e della verdura o le
importanti strade commerciali e gli scorci
medievali ancora visibili.
Un po’ di suggerimenti: il fiume Tevere, vera
anima di Roma, contenuto dalle banchine
in gran parte percorribili a piedi ed in bicicletta e attraversato dai quasi trenta ponti
che uniscono i due lati del Lungotevere e
si specchiano maestosi nel Fiume. Da non
perdere l’Isola Tiberina e Ponte Sant’Angelo, impreziosito dal parapetto del Bernini
che conduce a Castel Sant’Angelo; o le Vil-
9 metri da dove entrano
sole …. e pioggia, Piazza
San Lorenzo in Lucina, un
salotto cittadino ricco ed
elegante.
Da non perdere la visita
serale e notturna alla Città, partendo da Campo
de’ Fiori linda e pinta una
volta liberata dal mercato
e raggiungendo la vicina
Piazza Farnese, percorrendo la romantica Via Giulia
ed i Lungotevere ed affacciandosi ai ponti dove si possono ammirare le luci che si
riflettono
nell’acqua del “Fiume de Roma”. Sempre
rigorosamente a piedi, dissetandosi alle
tante fontanelle della città, i “nasoni”, si
le ed i Parchi di Roma,
con il Pincio dalla cui
terrazza si sovrasta la
spettacolare Piazza
del Popolo e dove, a
pochi passi da lì l’orologio ad acqua scandisce le ore da oltre
140 anni; la splendida
Villa Borghese, contigua al Pincio, Villa
Ada, Villa Torlonia,
Villa
Celimontana,
Villa Pamphili, tutte
prossime al centro
può raggiungere la chiassosa Piazza Trilussa uno degli accessi a Trastevere, laddove
giovani e meno giovani si perdono nei vicoli per tra caffè ristoranti e bottiglierie.
Con un piccolo sforzo, assolutamente consigliabile, si sale fino al Gianicolo, dove la
vista di Roma è letteralmente mozzafiato,
soprattutto dopo le ripide rampe.
Probabilmente la città più famosa al mondo e per chi non la conosca ancora quale
occasione migliore di visitarla anche come
capitale della cristianità?
Le cose da vedere non mancano di certo:
dai musei della Capitale a quelli del Vaticano alle tante mostre che si possono visitare
nella città; ma Roma è soprattutto un museo a cielo aperto tanto che rimane difficile
ricordare tutto quello che c’è da vedere:
solo per fare un elenco un po’ disordinato delle bellezze, dal Colosseo all’Arco di
Costantino e di Tito, dal Circo Massimo al
Tempio di Vesta, dalla Michelangiolesca
Piazza del Campidoglio al Ghetto, dai Lungotevere al Gianicolo dove a mezzogiorno
il cannone spara un colpo a salve, dai vicoli
di Trastevere al mercato di Campo dei Fiori, dalla scalinata di Trinità dei Monti a Villa
Borghese a Piazza Navona.
Inoltre la Roma Capitale con le sedi istitu-
U n a
visita a parte la meritano di
certo il Colosseo e il Foro Romano, il Palatino, uno dei sette colli di Roma con gli
importanti scavi archeologici che rendono
la zona un libro di storia da leggere e rileggere in quanto il biglietto di ingresso,
unico per le tre aree monumentali, ha una
durata di due giorni.
Il consiglio, scontato per chi utilizza l’autocaravan per sostare a Roma, da estendere
anche a caravanisti e tendisti, è di utilizzare
i mezzi pubblici della Capitale: il trasporto
integrato consente, con un biglietto della
durata di 100 minuti al costo di _ 1,50, di
utilizzare sia i mezzi di superficie, sia le linee della metropolitana che il treno FS nei
tratti urbani. Ci sono numerose combinazioni per chi visita la città, con biglietti che
hanno durate di 24, 48, 72 ore dalla prima
timbratura, alla tessera settimanale a costi
convenienti; inoltre le tessere Roma pass
da 48 e 72 ore, oltre alla libera circolazione
su tutti i mezzi di trasporto, danno diritto
ad agevolazioni per accesso ai musei, spettacoli e altri servizi turistici. Il contact center 060608 rilascia informazioni turistiche
per la Capitale al costo di una telefonata
(www.turismoroma.it).
Durante il Giubileo ovviamente l’interesse
del turista si rivolge soprattutto alla Roma
cristiana:
chi gradisce partecipare alle attività del
Giubileo deve registrarsi sul sito www.
im.va dove occorre compilare un modulo
di partecipazione da presentare al centro
di accoglienza Pellegrini in Via della Conciliazione 7.
E’ consigliabile comunque consultare il sito
del Vaticano dedicato (www.vatimecum.
com)
storico.
Non è possibile non approfittare per visitare le piazze di Roma, oltre alle già citate
Piazza Navona e Piazza del Popolo, Campo de’ Fiori, con il mercato rionale ricco
di colori e profumi, luogo di tanti film sulla
Roma del dopoguerra, la Piazza della Rotonda con il Pantheon privo di finestre ma
impreziosito da una apertura sulla volta di
E per la sosta con caravan e camper?
A Roma non mancano le possibilità di sosta, a partire dai campeggi in città
(Camping Roma http://www.ecvacanze.it/it/camping/camping-in-town/romacamping-village; Camping Flaminio http://www.villageflaminio.com/); Happy
Camping http://www.happycamping.net/ o sul litorale il Camping Internazionale di
Ostia, http://www.romacampingcastelfusano.it/, collegato con il centro cittadino
tramite il servizio di metropolitana
Tra le aree di sosta ricordiamo:
• Parkbus stazione Ostiense Piazzale 12 Ottobre 1492 http://www.parkbus.it/
• Garage Berardo sosta camper in Via Scarperia zona Magliana
http://www.garageberardo.it/it/
• Le Terrazze Via di Fioranello 170 http://www.parkingleterrazze.it/
• Camper Club Antichi Casali a Lunghezza http://www.camperclubantichicasali.it/
14
Animo sportivo
Leggendario modello di Knaus, la Sport & Fun è tornata nella
nuova versione per il 2016 con il suo tratto agile e la vocazione
sportiva, pronta ad accompagnare le coppie sui campi di gara o
gli appassionati lungo i percorsi nella natura
Non capita facilmente che una
caravan esprima bene a prima
vista la sua vocazione, ma questa
Knaus ci riesce già al primo colpo
d’occhio. In una naturale consuetudine di bianco ravvivato da decal di colori generalmente sobri,
la Sport & Fun impatta subito lo
sguardo anche se siamo distratti
con la sua frizzante livrea di base
bianca, con quel frontale azzurro
come il cielo e con quei baffi verde
prato che chiariscono immediatamente la sua vocazione: sport e
divertimento in moto come in bicicletta, in pista come sui sentieri
per mountain bike. Anche la linea,
con la parte anteriore protesa in
avanti a cuneo, dinamica tanto da
sembrare il cofano di una berlina
sportiva, si sposa perfettamente
con il genere per cui è stata progettata. E il layout interno non fa
che confermare lo scopo: spazio
per attrezzature sportive davanti,
nel grande gavone passante che
può ospitare anche una moto alzando il letto ribaltabile; dietro,
con la inconsueta porta posteriore che rende estremamente agevole l’ingresso di bici o canoe;
sul tetto, dove un robusto portapacchi permette di alloggiare il
windsurf o le tavole da sci. Sportiva nello stile esterno, frizzante
e coloratissima dentro, con la
tappezzeria a fantasie geometriche che prosegue anche su varie
modanature, con una bella cucina
dall’aspetto modernissimo e pratico. Una caravan da raccomandare agli sportivi ma senza per questo essere spartana. È anzi dotata
di tutti i comfort e con quel qualcosa in più dal punto di vista
dell’organizzazione interna, con
la pianta assolutamente inusuale
e pratica per sportivi professionisti e appassionati delle vacanze
a contatto della natura. Una sola
variante disponibile, quella che
vedete in queste pagine, amata
da tanto tempo e riproposta ora
nella versione Year 2016 ancora
più accattivante.
Living
Inconsueto nella forma e frizzante nello stile delle tappezzerie, il
living segue la curva del corridoio
che congiunge le due porte, con
la dinette che si dispiega intorno
con forma a L. Grandi finestre e
un bell’oblò centrale assicurano
luce e ampliano lo spazio disponibile, specie guardando dalla
grande porta posteriore.
CUCINA
Bella e moderna, con una forma
curva che segue l’andamento del
corridoio centrale della caravan,
prevede il classico fornello a tre
fuochi, il lavello inox e tanto spazio a disposizione tra i tre cassetti
e l’armadietto sotto al piano di lavoro più i tre pensili in alto, oltre a
due comodi scomparti a giorno,
sile-specchiera con doppio spot a
LED completano la dotazione.
Posti letto
Quattro i posti letto per questa
caravan: due sul grande matrimoniale anteriore ribaltabile (con
materasso schiumato a freddo)
e due più piccoli da preparare
sulla dinette, anche se il target
prevalente ci sembra quello della
coppia con lui pilota di moto e la
moglie cronometrista ai box! Ma
sempre sui pensili. Il frigo trivalente è molto grande per una caravan, ben 142 lt.
Toilette
Non piccola per essere su una
caravan lunga internamente 4,80
mt, la toilette nello stile sportivo
e pratico proprio di questa Knaus
ha la particolarità del piano doccia estraibile (opzionale) corredato di tenda paraspruzzi che in
pratica raddoppia il volume del
vano. Una grande finestra garantisce luce e ventilazione, mentre il
mobile lavabo angolare e un pen-
anche una famiglia con figli piccoli e magari i kayak o le canoe sul
portapacchi di serie sul tetto.
GIOVANI
Caratteristica principale di questa Knaus Sport & Fun è il grandissimo gavone anteriore passante, con doppia porta sui due lati,
che corre sotto tutta la superficie
del matrimoniale trasversale (con
scomparti separati - uno per le
bombole - verso il timone) e in
grado di accogliere anche una
moto alzando il letto quando non
in uso.
IMPIANTISTICA
Una dotazione piuttosto completa, con stufa Truma S 3004 a gas,
boiler elettrico di serie, serbatoio
acque chiare da 45 lt, predisposizione tv, illuminazione a LED, luce
veranda, scarico acque grigie
centralizzato. Di serie, a testimoniare la vocazione sportiva, un robusto portapacchi (portata fino a
75 kg) sul tetto. Molto completa
anche la lista degli optional, tra
cui il Plus Paket (piedini rinforzati,
zanzariera a rullo sulla porta, oblò
Heki II) che permette un consistente risparmio sulla somma dei
tre accessori.
15
16

Vergelijkbare documenten

euro aegean - Home Page Grimaldi Freighter

euro aegean - Home Page Grimaldi Freighter 285 (Codice della strada, nel seguito Codice) e nel D.P.R. 16 dicembre 1992, n. 495 (Regolamento di esecuzione e di attuazione del Codice della strada, nel seguito Regolamento In via preliminare si...

Nadere informatie

Camping Le Pianacce Price List

Camping Le Pianacce Price List Materiali di primissima qualità

Nadere informatie